header logo

Lasciarsi con un gol. Lo hanno fatto il Lecce e Federico Di Francesco, come due innamorati che si concedono l’ultimo bacio prima di dirsi addio definitivamente. L’ex esterno d’attacco giallorosso ha giocato nel Salento per un anno e due partite ed è andato via proprio alla fine del mercato. Ha scelto Palermo, una categoria più in basso ma una piazza ambiziosa con un progetto che potrebbe rivelarsi vincente.

Prima di andare, però, ha salutato tutti con un gol che ha fatto letteralmente esplodere di gioia l’intero Via Del Mare. La rete di Di Francesco, infatti, ha ribaltato la Lazio ed ha permesso ai salentini di vincere il match contro i biancocelesti per 2 a 1, con un finale di partita che a pensarci mette ancora i brividi. 

A Firenze, invece, l’ex Empoli è entrato a fine partita ed alla fine si è lasciato andare ad un pianto d’addio. Un saluto commosso ad una piazza che gli ha dato tanto ed alla quale ha cercato di restituire tutto tramite impegno ed attaccamento alla maglia.

A Palermo, in rosanero, si è presentato benissimo. Nella prima partita con la nuova squadra ha siglato subito un gol, quello del definitivo 3 a 0 ai danni della Feralpi Salò. Rete ed inchino per il Renzo Barbera, già estasiato dalla sua qualità. A dire il vero, la sua marcatura è arrivata anche grazie all’altruismo di Soleri, al quale Di Francesco ha promesso una cena per l’assist.

Adesso Federico dovrà rimboccarsi le maniche e provare a riportare la prestigiosa piazza siciliana nuovamente in Serie A. Alla sua età può ancora puntare alla promozione da protagonista, per rivivere poi con quella maglia le emozioni provate nel Salento.

Lecce e Palermo sono due piazze simili. Calorose e ambiziose allo stesso punto. Di Francesco dovrà dare tutto come fatto qui da noi per conquistare i tifosi rosanero ed esaudire anche i loro sogni. 

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"