header logo

Allo Stadio Artemio Franchi di Firenze si affrontano Fiorentina e Lecce, in un incontro valevole per la seconda giornata di campionato. Entrambe le squadre sono reduci da una vittoria, rispettivamente contro Genoa e Lazio, e sono a caccia del secondo successo consecutivo. 

I giallorossi, allenati da mister D’Aversa, confermano gli stessi interpreti scesi in campo nell’ultima sfida al Via del Mare, a eccezione di Gallo che prende il posto di Dorgu sulla corsia laterale di sinistra. Per tanto, a difendere i pali della porta, ci sarà il solito Falcone; a completare il reparto difensivo Baschirotto, Pongracic e Gendrey; a centrocampo Gonzalez, Ramadani e Rafia; infine in attacco confermato il tridente composto da Banda, Strefezza e Almqvist.

Cronaca primo tempo 

Partenza in salita per i giallorossi che dopo nemmeno tre minuti subiscono il gol della Viola grazie a Nico Gonzalez che sugli sviluppi di un calcio d’angolo riesce a colpire di testa insaccando la sfera alle spalle di Falcone, complice anche la deviazione del  giocatore giallorosso Ramadani. Il Lecce non riesce ad entrare nel vivo della partita, subendo le continue ripartenze e la qualità nella gestione del pallone degli uomini di Italiano. Al 25esimo la Fiorentina raddoppia: cross dalla destra di Arthur e colpo di testa, al centro dell’area di rigore, di Duncan per il gol del 2-0. I salentini provano a reagire ma la Viola riesce a difendersi con ordine e compattezza, rischiando poco e nulla. Al 42esimo la Fiorentina sfiora il terzo gol: lancio illuminante di Nico Gonzalez per l’accorrente Dancan che però è sfortunato e solo davanti al portiere, con il sinistro, colpisce il palo esterno. La squadra di D’Aversa, di fatto, non riesce a concretizzare alcun tipo di azione degna di nota, concludendo la prima frazione in svantaggio.

Cronaca secondo tempo 

A inizio secondo tempo, per i giallorossi, Kaba e Dorgu rilevano rispettivamente Gonzalez e Gallo, cambiando l’assetto della squadra con il centrocampista ex Valenciennes e Ramadani in mediana e Rafia vertice alto. Al 49esimo il Lecce riapre la partita: conclusione a giro, dal limite dell’area di rigore,  di Rafia e pallone sotto al set. Per il tunisino, è il primo gol in Serie A della propria  carriera. Al 56esimo Pongracic recupera il pallone all’altezza del centrocampo, conducendolo in prossimità dell’area di rigore ma il suo tiro termina abbondantemente a lato, alla destra del portiere. I giallorossi sembrano in fiducia, mostrando maggiore sicurezza nel possesso del pallone e pericolosità nella creazione di occasioni da rete. Al 72esimo il neo acquisto Krstovic fa l’esordio con la sua nuova squadra, prendendo il posto di Rafia e risultando  subito decisivo: infatti, dopo nemmeno tre minuti dal suo ingresso in campo, concretizza nel migliore dei modi il cross dalla sinistra di Banda, colpendo il pallone di testa e battendo l’estremo difensore della Viola Christensen, pareggiando la partita. All’80esimo il VAR annulla un potenziale rigore alla Fiorentina, inizialmente fischiato dall’arbitro. All’86esimo Strefezza lascia il posto a Blin mentre al 90esimo Di Francesco subentra a Banda. Al 93esimo la squadra di Italiano sfiora il gol del 3-2: cross dalla sinistra di Brekalo per Kouame che anticipa di testa Dorgu non trovando la rete per pochi centimetri. Il Lecce riesce a mantenere il risultato di parità, riuscendo a portare a casa un prezioso punto al termine di una straordinaria rimonta. 

I giallorossi torneranno nuovamente in campo la prossima domenica, al Via del Mare, per il match contro la Salernitana.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"