header logo

Vi ricordate il Lecce che ad inizio campionato ha battuto la Lazio? Ecco, dimenticatelo. E quello che ha pareggiato contro la Fiorentina? Anche quello. Per non parlare di quello che ha vinto contro la Salernitana e ha pareggiato contro il Monza.

Cosa hanno in comune queste squadre? L'età media al di sotto dei 25 anni tondi. Il Lecce di Roberto D'Aversa puntava essenzialmente a due aspetti: la velocità e la gioventù. In campo c'erano molti più elementi giovani rispetto alla squadra che poi con Gotti ultimerà il campionato. 

Inizialmente poteva sembrare una scelta obbligata perché con gli infortuni di Kaba (22 anni) e Banda (23) ed il progressivo accantonamento di Gonzalez (22) il cui rendimento non è stato costante, si finiva inevitabilmente con l'alzare l'età media della squadra perchè gli elementi in sostituzione avevano tutti un'età superiore.

Ed in effetti, analizzando le dieci partite di Gotti, si può notare come l'età media sia salita a 25,39. Un dato fortemente influenzato dalle ultime partite in cui è stato inserito un elemento come Berisha che praticamente era fuori dalle scelte del mister fino a che la salvezza era in bilico e l'inserimento di Dorgu, contemporaneamente a Gallo, causa infortunio di Banda.

Partita Età Media Lecce
Salernitana-Lecce 26
Lecce-Roma 25.3
Milan-Lecce 25.5
Lecce-Empoli 25.6
Sassuolo-Lecce 25.3
Lecce-Monza 25.3
Cagliari-Lecce 25.6
Lecce-Udinese 25.6
Lecce-Atalanta 24.5
Napoli-Lecce 25.2
Media  25,39
locandina open day
locandina open day
Il Lecce di Luca Gotti: la possibile formazione da sogno aspettando il mercato
Salvemini: "Poli Bortone propina fake news a stampa e social. Nessun aumento della Tari"

💬 Commenti