header logo

Di Francesco-Palermo: ci siamo. Corvino e Trinchera, come raccontato in queste ore, hanno chiuso per 1.3 milioni di euro il passaggio per l'ormai ex Lecce in rosanero. Ieri, dopo un piccolo blackout dovuto alla “domanda e l'offerta", sono ripartiti i contatti del Palermo, che era disposto a versare circa un milione di euro. Le parti si sono trovate a metà strada e l'accordo è stato definitivamente raggiunto.

Di Francesco nella passata stagione aveva siglato 2 gol e 2 assist in 36 partite di cui 23 da titolare, mentre ha aperto alla grande questa annata calcistica segnando la rete decisiva per il successo casalingo contro la Lazio. Ad ogni modo, non era un titolare nelle gerarchie di mister D'Aversa, che ha sempre schierato titolare Banda, autore di 2 assist ieri sera all'Artemio Franchi.

L'ex SPAL non era stato messo sul mercato dai salentini, che però hanno aperto all'addio del 29enne, pronto a firmare un contratto più ricco e lungo rispetto a quello che lo legava al Lecce fino al 2025. 

Palermo, dal Lecce arriva Di Francesco: contratto triennale per il figlio d'arte

Federico Di Francesco, attaccante esterno classe '94 del Lecce, lascia la Serie A e scende di categoria. Il giocatore, come raccolto da TMW, firmerà un contratto triennale con il Palermo con opzione per un'ulteriore stagione. Un contratto importante, dunque, che permetterà a Di Francesco di ripartire in un'altra grande piazza che proverà a riconquistare la Serie A. 

A Palermo Di Francesco troverà altri ex Lecce come Francesco Di Mariano, Fabio Lucioni e Pietro Ceccaroni. Per Di Francesco il Lecce aveva ricevuto sondaggi anche da parte della Sampdoria, ma i rosanero hanno accelerato i tempi mettendo sul tavolo una cifra economica superiore a quella spesa dai salentini un anno prima. I giallorossi, quindi, registreranno una plusvalenza, mentre Di Francesco scenderà di categoria, siglando un accordo a condizioni vantaggiose.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"