header logo

Ancora poche ore rimaste prima di assistere all’incontro di Coppa Italia tra Lecce e Parma, allo stadio Via del Mare, valevole per i trentaduesimi di Coppa Italia. La vincente tra le due squadre se la vedrà, agli ottavi di finale, contro la Fiorentina.

I giallorossi, di Roberto D’Aversa, sono alla ricerca di un successo che manca da oltre un mese (ottenuto nella gara di campionato contro il Genoa, vinta per 1-0 davanti ai propri tifosi) e l’incontro odierno potrebbe essere l’occasione giusta per ritrovare il sorriso, rispondendo a un periodo non propriamente idilliaco della loro stagione sportiva. Contro però un avversario insidioso, attualmente al vertice della classifica di Serie B, dotato di un ottimo organico e avente tutte le carte in regole per insidiare i loro avversari.

Per i salentini, inoltre, la gara di questa sera potrebbe essere motivo d’interessanti spunti, per il tecnico D’Aversa, di veder giocare alcuni ragazzi meno impiegati nelle precedenti gare disputate in campionato.

Piccoli in azione in Lecce-Torino

Tra i principali dubbi dell’undici iniziale, ve ne potrebbe essere uno riguardante il reparto offensivo, specie nel ruolo di prima punta con l’interrogativo tra Krstovic e Piccoli.

Il centravanti montenegrino, infatti, visto il ravvicinato impegno di campionato di domenica sera, all’Olimpico contro la Roma, potrebbe essere risparmiato lasciando spazio all’ex giocatore dell’Empoli nella passata stagione. In conferenza il suo allenatore lo ha ricordato, apprezzando il suo lavoro quotidiano durante gli allenamenti. Effettivamente Piccoli non sta affatto deludendo le aspettative, rivelandosi una degna alternativa al numero 9 giallorosso. In questo campionato, ha giocato fino ad ora in tutti e 10 gli incontri (di cui 2 con il precedente club in Toscana). Nel Salento ha collezionato 118 minuti, subentrando sempre in corso d’opera e risultando decisivo nella gara, giocata in trasferta, contro l’Udinese, realizzando nei minuti finali il gol del definitivo 1-1.

Krstovic in azione in Udinese-Lecce

Per D’Aversa, dunque, la sua presenza sarà fondamentale per garantire in ogni momento il suo apporto alla squadra, contribuendo a suon di giocate al raggiungimento degli obiettivi stagionali. La sfida di oggi il giusto pretesto per confermarsi all’altezza del contesto, riuscirà a essere decisivo?

Lecce-Milan, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"