header logo

Parliamo di mercato, di quanto l'U.S. Lecce sarebbe disposta ad investire nella prossima stagione per mantenere la squadra competitiva rispetto ad una serie A che ogni anno si dota di nuove ed ambiziose realtà. 

Como, Parma, la salvezza di Udinese e Verona, Monza e Genoa che ormai sembrano più lanciate verso obiettivi “nobili” e sulla carta fuori dalla zona rossa: il tema è che il livello della Serie A 2024/25 diventa sempre più alto. Salvarsi non sarà un'impresa semplice e per farlo il Lecce sarà, probabilmente, costretto a rivedere i suoi piani economici ma rimanendo sempre con i piedi ben piantati per terra.

Facciamo un esempio: se fino a ieri per Corvino è stato possibile fare un mercato vincente con un budget determinato ed un monte ingaggi da 14 milioni di euro, domani, probabilmente, questo non sarà più possibile. 

Lo sa prima di tutti gli altri il presidente Sticchi Damiani che ha dichiarato più volte di voler provare a mantenere la serie A per il terzo anno consecutivo, entrando così nella storia; per questo motivo si regolerà di conseguenza per quel che gli compete ed il budget da mettere nelle mani del Direttore dell'area tecnica Pantaleo Corvino.

Albania e Ramadani in campo in vista dell'Italia: ecco come è andata
Salernitana: per ritrovare la Serie A si pensa a Massimo Coda