header logo

Dopo l'impresa storica compiuta nella passata stagione col raggiungimento dello Scudetto, la Primavera del Lecce si rimbocca le maniche. L'inizio di stagione evidenzia l'inizio di un nuovo ciclo dovuto al dimezzamento dell'organico rispetto alla scorsa annata, in seguito a promozioni in Prima Squadra e cessioni.

I baby giallorossi hanno perso in finale di Supercoppa Italiana contro la Roma e successivamente in campionato hanno incassato ben 8 reti complessive da Verona e Juventus. Ora c'è la pausa, successivamente la partita di Primavera 1 con la Lazio. Ad ottobre partirà un'altra competizione ovvero la Youth League, in cui il Lecce sfiderà l'Olympiakos.

Tanti tifosi si chiedono l'obiettivo stagionale della formazione U19, che in seguito ad un grande successo ha bisogno di tempo per tornare ad altissimi livelli. Lo abbiamo chiesto a mister Coppitelli nell'intervista trasmessa in diretta su Twitch ieri pomeriggio:

“Come lo scorso anno bisogna aspettare la fine del girone di andata per capire il valore effettivo della squadra. Abbiamo iniziato un ciclo, un nuovo inizio. Mi riservo un po' di tempo. Vorrei lavorarci un po' e creare un gruppo. Solo giocando si creano le connessioni. La formazione dello scorso anno era una filastrocca, tutti i ragazzi si conoscevano alla perfezione. 

Dobbiamo ritrovare gli equilibri costruendo attorno alle caratteristiche dei nuovi. Solo attraverso il lavoro riusciremo a capire in che modo. Potenziali exploit? Io vedo del talento. Credo che il nostro comparto scouting sia tra i migliori al mondo. Adewale ha giocato bene con la Juve. Mi dispiace che qualcuno è già andato in nazionale perchè questo periodo ci poteva servire per conoscerci meglio".

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"