header logo

È servito un tempo supplementare al PalaCisterna per decidere la sfida tra Latina padrona di casa e l’Hdl Nardò, due compagini impegnate nel Girone Salvezza di Serie A2, la massima serie dilettantistica italiana.

La partita

Lo stesso coach dei neretini, Luca Dalmonte, aveva presentato la sfida come una gara in cui sarebbe stato “necessario un doppio sforzo, mentale e tecnico", e così èstato. Non sono bastati i quattro quarti regolamentari per decidere una sfida sempre in equilibrio. 

Una sfida punto su punto che al termine segnava un risultato di 76 pari. È servito dunque un overtime per decidere la contesa, il cui inizio è stato segnato da uno sprint della compagine salentina che mette subito messo in chiaro le proprie intenzioni mettendo a referto i primi 7 punti del tempo supplementare. Alla fine, il risultato finale sorride al Nardò che si impone per 85 a 79, conquistando due punti fondamentali per la classifica e per la salvezza, che ora sembra più vicina che mai.

La partita non era delle più semplici, sebbene sulla carta si affrontasse un Latina già retrocesso in Serie B ma reduce da tre vittorie consecutive, dimostrando di tenerci a voler onorare il campionato fino alla fine nonostante un verdetto già scritto, affrontando le avversarie con orgoglio e impegno.

Il Nardò invece, in virtù del suo secondo posto, e quindi virtualmente salvo, arrivava alla sfida reduce da una vittoria contro la Luiss Roma, ma con un rendimento ben più discontinuo della rivale laziale, confermando un andamento “a singhiozzo” che non faceva di certo far stare sereni i tifosi granata.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Festa Ducati al Mugello, doppietta tutta italiana!