header logo

Sacrificio. Lameck Banda conosce benissimo il significato di questa parola. Ha dovuto compiere dei sacrifici da piccolo, da giovane calciatore e persino in campo, su quel rettangolo verde che tanto ama. I suoi allenatori, infatti, vogliono sempre che sia il primo a sacrificarsi, a dare una mano, ad aiutare i suoi compagni anche in fase difensiva.

Velocità. La velocità è la caratteristica principale del talento zambiano. Deve migliorare a dosarla però. Ad usarla per la squadra, per metterla al servizio dei suoi compagni e renderla utile. La velocità è nulla senza il controllo ed andare al doppio degli altri a volte può rappresentare anche un problema. Dovrà lavorare parecchio per crescere sotto questo punto di vista e rendere questa qualità un punto di forza sul quale basare il proseguo della sua carriera.

Caparbietà. Lo ha anche scritto su Instagram nell’ultimo post pubblicato. “Si impara più dal fallimento che dal successo”, una frase storica che rappresenta il percorso di crescita anche mentale che sta attraversando Lameck Banda. Il primo gol del Lecce è sicuramente frutto di un’invenzione di Rafia ma nasce proprio dalla caparbietà del classe 2001. Lui non ha mollato, ha strappato il pallone dai piedi di Arthur ed ha permesso al Lecce di ripartire, riaprire la partita ed acquisire fiducia. 

A dire il vero, Lameck Banda ha messo uno zampino importante in entrambi i gol realizzati dal Lecce. Sulla rete segnata da Krstovic, infatti, ha lasciato partire un cioccolatino per la testa dell’attaccante montenegrino, che ha dovuto solo spingere in porta il pallone ed esultare insieme ai suoi nuovi compagni.

Spesso il classe 2001 è accusato di essere poco cinico, ancora troppo acerbo nelle scelte. È vero, lo è, eppure è migliorato parecchio rispetto a quando è arrivato nel Salento e la sua crescita è evidente e continua. 

In questa stagione tutti si aspettano molto da lui. Ora tocca a Banda dimostrare le sue qualità e trasformare le sue potenzialità in solide certezze di questo Lecce. Qui il talento vero viene fuori. 

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"