header logo

Lecce e Lazio si sono affrontate oggi in una sfida valevole per la terza giornata del campionato Primavera 1. I campioni d’Italia allenati da Coppitelli, ancora a secco di vittorie, sono scesi in campo con questi uomini: Lampinen Skaug in porta; Munoz, Smajlovic, Pascalau ed Addo in difesa; centrocampo folto con Vulturar, Mcjannet e Minerva; in attacco Kodor, Jemo e Lukoki. L’allenatore giallorosso ha voluto cambiare un po' le carte sul tavolo per provare a trarre il meglio dai suoi uomini. Dall’altra parte, la Lazio di Sanderra è scesa in campo a specchio, sempre con un 433 nel quale gli esterni offensivi avevano parecchia possibilità di muoversi e svariare. 

Nella prima frazione di gioco è successo davvero poco. Le due squadre hanno vissuto una lunga fase di studio e difficilmente hanno trovato il pertugio giusto per colpire o affondare il colpo. Tanta imprecisione nei primi 45 minuti di gioco e poche giocate degne di nota, con soltanto alcune conclusioni dalla distanza che non hanno impensierito più di tanto i due estremi difensori. 

Nella ripresa il copione è stato lo stesso della prima frazione, salvo per gli ultimi dieci minuti di sfida, periodo nel quale le due formazioni hanno avuto le migliori palle gol per sbloccare il match. Al minuto ‘80 Di Tommaso ha avuto sui piedi l’occasione dell’1 a o ma è stato ipnotizzato dal portiere giallorosso. Lampinen Skaug, a dir la verità, si è superato anche 5 minuti dopo, compiendo un miracoloso intervento dopo un goffo intervento di Smajlovic, che ha rischiato il più classico degli autogol. L’unica occasione degna di nota da parte dei giallorossi, invece, è arrivata al minuto ’86. Pascalau aveva anche segnato, sugli sviluppi di un’azione molto confusa, ma il direttore di gara ha annulato per fuorigioco.

I cambi non hanno modificato l’inerzia di un match che si è spento sul risultato di 0 a 0. Buon punto per la truppa di Coppitelli che ricomincia la sua marcia in questa stagione, con un pareggio che sa di ripartenza.

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"