header logo

Segnare allo Stadio Granillo, contro un avversario blasonato come la LFA Reggio Calabria, la vecchia Reggina, non è qualcosa che capita tutti i giorni e certamente merita di essere raccontato.

Giulio Carrozzo, ex attaccante della Primavera del Lecce, si sta facendo largo nel Girone I di Serie D, per intenderci quello che comprende le squadre di Sicilia e Calabria. Il classe 2004 ha disputato, fino ad ora, tutte e 9 le partite con la maglia del Città di Sant’Agata, un’autentica mina vagante del girone guidato da un infermabile Trapani, a quota 8 vittorie in altrettante partite.

Come detto, la squadra di Carrozzo è ancora indecifrabile e si trova al sesto posto in classifica, con 15 punti in 9 sfide, frutto di 5 vittorie e 4 sconfitte, con all’attivo 11 gol fatti e 10 subiti.Carrozzo, dal canto suo, nelle 9 sfide disputate ha segnato già 2 reti. La prima nella vittoria contro il Canicattì il primo ottobre e la seconda domenica scorsa allo Stadio Oreste Granillo.

L’atmosfera in casa della LFA Reggio Calabria non era delle migliori a causa dell’aspra contestazione da parte della tifoseria di casa, non soddisfatta dell’attuale dirigenza. Carrozzo ha colpito subito, all'ottavo minuto del primo tempo, con una staffilata dal limite dell’area di rigore dopo un uno due con un suo compagno di squadra. Il suo destro si è perso all’angolino, imparabile per l’estremo difensore avversario.

Il Città di Sant’Agata ha vinto meritatamente il match e Carrozzo ha contribuito alla vittoria con 64 minuti di grande qualità mista a sacrificio. Dopo le esperienze nei settori giovanili di Lecce e Spal, maglie con le quali è riuscito a realizzare diversi gol di pregevole fattura, adesso sta affrontando la prima vera esperienza tra i grandi, in un girone duro ma formativo.

Questa stagione sarà fondamentale per lui ed il suo futuro. Se continuerà a fare così bene, potrà certamente ambire ad un salto di categoria per giocarsi le sue carte anche tra i professionisti. Le qualità per sfondare ci sono ma serviranno sudore, sacrifici ed un pizzico di fortuna. 

Lecce-Torino, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"