header logo

Il Lecce è tornato ad allenarsi dopo una domenica di riposo. La formazione giallorossa ha iniziato a preparare l’importante e difficile sfida contro l’Inter, capolista della Serie A e schiacciasassi in questo 2024.

Ecco di seguito la nota del club salentino:

È ripresa nel pomeriggio all’Acaya Golf Resort & SPA la preparazione dei giallorossi in vista della gara con l’Inter, in programma domenica alle 18:00 al Via del Mare. Assente Brancolini, ha proseguito nel lavoro personalizzato Banda. Domani mattina allenamento all’Acaya.

Banda ce la farà?

La speranza è che l’esterno zambiano possa recuperare, quantomeno parzialmente, ed essere a disposizione di D’Aversa domenica sera. Ovviamente lo staff medico proverà a rimetterlo in piedi al massimo, consapevole del fatto che dopo la sfida con i nerazzurri il Lecce è atteso da un trittico di sfide molto importanti, probabilmente decisive per la corsa alla salvezza. Ecco, perè, sarà importante non forzare il suo rientro ed aspettare che l’esterno sia pienamente recuperato, evitando ricadute che possano allungare ulterioriormente i tempi.

Marin Pongracic

Pongracic squalificato, ed ora?

Contro l’Inter non ci sarà Marin Pongracic. Il centrale difensivo ha lasciato anzitempo il campo contro il Torino per via di un cartellino rosso ed ora D’Aversa dovrà fare a meno di lui per il prossimo impegno. Con ogni probabilità al suo posto dovrebbe giocare Touba, difensore centrale poco utilizzato fino ad ora ma di sicuro affidamento.

Mancherà, infine, anche Patrick Dorgu, sempre causa squalifica. Sulla corsia di sinistra, quindi, spazio ad Antonino Gallo, partito in panchina nell’ultimo match contro il Torino. Il laterale palermitano dovrebbe fronteggiare Dumfries, autore del gol vittoria nell’ultima sfida contro i nerazzurri al Via Del Mare. Sarà un compito arduo ma nelle ultime settimane è cresciuto parecchio ed adesso l’esame Inter potrebbe rappresentare un ulteriore step di crescita personale.

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Champions League: può essere l'anno dell'Inter?