header logo

Sorpresa in diretta nell'ultima puntata di PL NIGHT, trasmissione in diretta sul canale Twitch di PianetaLecce ogni giovedì sera a partire dalle ore 21:00. Durante la nostra intervista a David Sesa, oggi allenatore in terza serie svizzera, è voluto intervenire per salutarlo Beto Barbas, da un paio di mesi nel Salento, precisamente a Racale, dove collabora con la scuola calcio.

Le due leggende del Lecce non hanno mai giocato insieme ma sono legate da un rapporto di grande stima reciproca. E hanno scherzato sulla loro specialità, ovvero i calci di punizione…

Barbas, che pensiero per Sesa!

Barbas

Ecco le parole di Beto Barbas appena entrato in diretta: "Mi fa molto piacere vedere David, gli faccio i miei complimenti, mi hanno detto che ha una squadra fortissima. Non ho avuto la fortuna di giocare con lui, ma è stato un grande giocatore qui a Lecce. Si merita tanto, a volte la gente si dimentica di queste leggende. Io ho avuto la fortuna di avere tanta gente che si è ricordata di me. Lui le punizioni le calciava molto bene, forse anche meglio di me…".

Leggi qui l'intervista completa a David Sesa.

L'iniziativa: una partita nel Salento con tutte le leggende del Lecce?

Tantissimi ex calciatori del Lecce chiedono di farci promotori di un'iniziativa: una partita al Via del Mare con tutte le leggende del Lecce. Barbas è assolutamente favorevole: “Io non ho alcun problema, abito qui nel Salento. Non so se riesco a giocare almeno 10 minuti, ma almeno sarò in campo. Se ho la forza per calciatore una punizione? Non vi garantisco nulla… credo che David questa volta vince, è più giovane di me e gioca con i ragazzi in Svizzera. Io non ho giocato a calcio per tanto tempo. Ho fatto una partitella con Antonio Del Vescovo, il mio procuratore che mi ha riportato a Lecce insieme a Saverio De Lorenzis e Cristian Aprile. 

Devo ringraziarli, così come l'Atletico Racale: sono contento di essere tornato a Lecce, non potete immaginare l'allegria di vivere nel Salento di nuovo. Ogni giorno vengono con voglia i bambini, che vogliono imparare. I genitori parlano di me e mi guardano come una leggenda”.

E Sesa ricambia l'affetto di Barbas: “Sono contento Beto sia tornato, può dare tanto ai ragazzi. Mi piace questa storia, lui che è un idolo può insegnare i valori del calcio e della vita. Sono veramente contento sia andata a buon fine questa cosa”.

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"