header logo

Era emozionato anche se in carriera aveva già vissuto emozioni del genere con la maglia del Lecce. 

Nonostante la Carrarese non fosse la squadra del suo cuore, vincere da protagonista regala sempre enormi emozioni e Marco Bleve lo ha dimostrato anche ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com dopo la storica promozione in Serie B del club toscano. 

Le parole di Marco Bleve

Questa la sua battuta veloce subito dopo la vittoria contro il Vicenza nella finale dei play off di Serie C

È un'emozione incredibile. Dopo tanti anni Carrara ritrova la Serie B. Abbiamo fatto qualcosa che nessuno si aspettava. Spero di ripagarli anche il prossimo anno. Sono arrivato qui per rimettermi in gioco, anche quando tutti mi andavano contro. Anche i miei genitori mi davano contro, ho detto loro che ero arrivato a Carrara per tornare nel calcio che conta.

Marco Bleve

La stagione di Bleve

Marco Bleve le ha giocate praticamente tutte, subendo pochissime reti e collezionando 19 clean sheet nella stagione regolare. 

In totale tra campionato, Coppa Italia di Serie C e play off ha incassato soltanto 38 reti, un numero davvero basso se teniamo conto delle 47 gare nelle quali ha difeso la porta della sua Carrarese.

Sopra abbiamo riportato le sue dichiarazioni nel finale di partite ed il portiere ha già parlato di futuro, dicendo che spera di rimanere a Carrara per vivere un’altra stagione da protagonista. Adesso tornerà nel Salento e deciderà con il Lecce cosa fare il prossimo anno. 

Di certo, la sua volontà sembra chiara, anche perché scendere in campo ed essere protagonista assoluto e tutt’altra storia rispetto a guardare le partite della panchina, seppur con addosso i colori della propria squadra del cuore. 

Finalmente protagonista 

Bleve nelle ultime stagioni aveva giocato pochissimo e non trovava una continuità di rendimento tale da esattamente 10 anni, quando ha difeso in Serie C i pali del Martina Franca. Carrara lo ama e lui ha imparato ad affezionarsi a questa piazza, alla quale ha regalato una gioia enorme con una promozione inaspettata. 

Il futuro ora può attendere, è fondamentale godersi il presente e questo fantastico momento. 

De Siervo: “Pochi campioni in Italia anche per colpa dei tifosi”
L'estate calcistica 2024 parla salentino