header logo

Dario Carofalo, dirigente e socio dell’Unione Sportiva Lecce, ha parlato ai microfoni di Piazza Giallorossa, soffermandosi sul periodo vissuto dal club giallorosso e sull’intenzione di realizzare un centro sportivo di proprietà. 

Lazio? è stata una bella prestazione, è venuto a mancare solo il gol, la Lazio in maniera più cinica, nella prima vera occasione che ha avuto ha portato a casa il risultato. 

I tifosi sempre presenti

Il dirigente giallorosso ha poi elogiato la spinta del pubblico giallorosso, presente in ogni dove al fianco della squadra. 

Essere in qualsiasi stadio ma soprattutto in realtà come quella dell’olimpico di Roma e sentire i nostri cori giallorossi è qualcosa di emozionante ma anche di più e questo lo sottolineiamo sempre, è qualcosa di unico nel panorama calcistico italiano. 

Dario Carofalo in tribuna

Il centro sportivo

L’intenzione della società giallorossa è, senza dubbio, quella di dotarsi di un centro sportivo di proprietà, che permetta al club di alzare il livello e puntare a traguardi ancora più importanti

Sicuramente l’intenzione di realizzare un centro sportivo c’è ed è probabilmente quello che non ha mai avuto, creare una casa Lecce è un obiettivo che la nostra società si è voluto dare, poi sugli aspetti di carattere burocratico, amministrativo, il comunicato parla chiaro, il terreno individuato non ci consente di poterlo realizzare e oggi è stato necessario fare quel comunicato stampa per fare chiarezza.

La prossima sfida contro la Juventus

Infine, Dario Carofalo ha detto la sua sul prossimo impegno di campioanto contro la Juventus di Massimiliano Allegri:

Credo che sarà una partita molto aggressiva da parte del Lecce nella fase iniziale per evitare di fare giocare la Juve e i suoi grandi campioni. Se il Lecce gioca come ci ha fatto vedere nelle corse partite magari mettendo la palla in gol, sicuramente riusciremo a fare un risultato positivo.

In diretta su Twitch a partire dalle 15:30. Come seguirci
Roma, calendario alla mano De Rossi può dare subito una mano al Lecce