header logo

D’Aversa-Lecce, un binomio che funziona (per il momento). Prendere in mano una squadra, seguendo il lavoro di chi (piaciuto o meno poco importa) ha scritto pagine memorabili della storia di questo club, non era mica scontato anzi, tutt’altro ma quello che Roberto D’Aversa sta riuscendo a ottenere con questi colori è sicuramente confortevole e rassicurante in vista del proseguo della stagione.

Roberto D'Aversa Lecce

Non ricordo un avvio di campionato così entusiasmante, nemmeno ai tempi di Parma. Ovviamente la strada è ancora lunga, lunghissima ma sicuramente quanto fatto lascia ben sperare. Fino ad ora, 12 punti in graduatoria. Tre vittorie, altrettanti pareggi e due sconfitte contro Juventus e Napoli. Le rimonte contro Lazio e Fiorentina, l’ultima prestazione, più che positiva contro il Sassuolo. Una gara delicata, nella quale bisognava reagire all’ultimo periodo d’insuccessi. La risposta c’è stata, è arrivato un buon punto contro un avversario ostico, a dimostrazione di un’ennesima prova di carattere, grinta, cattiveria agonistica. Tutto quello che il mister incarna, trasmette ai suoi ragazzi.

Non è un allenatore che si tira indietro, non ha paura di cambiare, di rischiare la mossa a gara in corso per provare a svoltare l’inerzia della sfida. Bisogna avere carattere, consapevolezza di quello che si fa.

Roberto D'Aversa Lecce

Consapevolezza. Si, quella che lui in questo momento prova al timone di questa nuova squadra, nell’affrontare questa nuova esperienza. Lecce, siamo convinti, non sarà per lui una piazza come le altre. Lecce sarà la svolta del suo percorso da allenatore. Noi tutti ce lo auguriamo, per il raggiungimento degli obiettivi stagionali e per il suo futuro.

Venire da oltre un anno di fermo, da esperienze complicate in cui nulla è andato per come si avrebbe voluto non deve esser stato facile però fortifica, eccome. Perché, dopo l’amarezza, la delusione iniziale subentra la fame, la voglia di rivalsa, la motivazione. Lo si percepisce e all’intero ambiente fa bene tutto ciò. D’Aversa è un riferimento, un punto fermo su cui poter contare da parte dei suoi ragazzi. Tutto questo è positivo, alimenta entusiasmo per il raggiungimento dell’obiettivo e prima arriva meglio è, per tutti.

D’Aversa-Lecce, il binomio intriga. La strada è quella giusta, passo dopo passo per continuare a scrivere nuove pagine di storia sportiva.

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"