GUARDA LA LIVE TWITCH 💜

Offerta da
LA CRONACA

Il Lecce crea poco, subisce niente e viene punito da una magia

Scritto da Andrea Sperti  | 

Sassuolo e Lecce si affrontano al Mapei Stadium per la seconda giornata di campionato. I giallorossi scendono in campo con il consueto 433. In porta c’è Falcone; in difesa Gendrey, Baschirotto, Blin e Gallo; a centrocampo Bistrovic, Hjulmand e Gonzalez; in attacco Strefezza, Ceesay e Di Francesco. 

Dopo quindici minuti di studio, è Di Francesco a creare la prima occasione da gol, con una conclusione pericolosa che viene sventata da Consigli. 

Al minuto 21, invece, Domenico Berardi flirta con la rete, ma il suo tiro finisce a lato di poco. 

Alla mezz’ora del primo tempo, Ceesay ha sui piedi la palla dell’1 a 0 ma calcia clamorosamente alto, non servendo al centro dell’area di rigore Di Francesco, lasciato colpevolmente solo dalla difesa neroverde.

Gol sbagliato, gol subito, dato che qualche minuto più tardi Berardi pesca il jolly e segna una rete fantastica, calciando al volo dal limite dell’area di rigore.

Prima della fine del primo tempo, il Sassuolo ha un’altra grande occasione da gol con Matheus Henrique ma nell’occasione Falcone si supera e sventa la minaccia. 

Ad inizio ripresa Banda rileva Di Francesco. Lo zambiano ha subito una grande occasione ma incespica sul pallone al momento della conclusione. 

Al 60 minuto Gonzalez ha sui piedi la palla del pareggio ma non riesce ad indirizzarla verso la porta avversaria. 

I giallorossi provano a verticalizzare in ogni momento ma il Sassuolo si difende con attenzione e chiude tutti gli spazi. A 20 minuti dalla fine Helgason prende il posto di Bistrovic. L’islandese si rende pericoloso con un calcio di punizione ma la sfera termina a lato. 

A 10 dalla fine Colombo ed Askilsden entrano al posto di Gonzalez e Ceesay. Al 90esimo, invece, Listkowski rileva Strefezza. 

Dopo 5 minuti di recupero il direttore di gara decreta la fine del match. I giallorossi giocano una partita di qualità e quantità ma vengono puniti da un eurogol di Berardi.


💬 Commenti