🔴 LIVE

BLOG | Al meglio non c'è mai fine

Scritto da Redazione  | 

L’articolo che vi proponiamo è stato scritto da un nostro lettore. Quello che segue è l’articolo così come è stato inviato dunque senza correzioni e senza entrare nel merito delle questioni. Al di là del suo contenuto – sia esso o meno condivisibile – ci dissociamo per la natura e la tipologia di scritto. Questo è solo uno spazio messo a disposizione dei lettori che vogliono esprimersi in maniera compiuta e vogliono dare risalto al loro pensiero. 

Vi ricordiamo che tutti potete scrivere un articolo inviandolo a [email protected] scrivendo nello spazio dedicato all’oggetto: “Rubrica scrivi un articolo”.

di Tommaso Miceli

Bisogna apprezzare mister Corini che correggendo gli errori del girone d'andata, ha inserito elementi di qualità in squadra precedentemente snobbati (Pettinari, Henderson), consentendo al Lecce di ritrovare la sua forza, prima smarrita come un Sansone a cui erano stati tagliati i capelli. Ma, a nostro giudizio, il potenziale pieno dei salentini non è ancora stato raggiunto. È un vero peccato tenere in panchina un talento come Rodriguez, quando si potrebbe tranquillamente "osare" con un supertridente con Coda punta e Pettinari e Rodriguez che agiscono alle sue spalle, liberi di dialogare, incrociare, inserirsi per la conclusione. L'ingresso di Rodriguez porterebbe a sacrificare Bjorkengren a centrocampo, e non se ne accorgerebbe nessuno.Un centrocampo con Hiulmand in regia, Henderson e Majer interni reggerebbe tranquillamente in fase difensiva, considerando che i due giovani e talentuosi attaccanti hanno fiato ed entusiasmo per rientrare dietro la palla in fase di non possesso.

Credo che con questa semplice mossa, Corini potrebbe condurre il Lecce a veleggiare in tranquillità verso il primo posto e offrire uno spettacolo molto superiore a quello che si è visto ieri contro la Salernitana (a dispetto del risultato vincente, il primo tempo è stato di una noia mortale).Non solo, si getterebbero le basi per disputare l'anno prossimo un campionato in serie A con un piglio ben diverso da quello disputato lo scorso anno: cioè da matricola "terribile" come suole dirsi, e non da matricola arrancante.Forza mister Corini, un po' di coraggio in più! Se si va a rivedere la storia del Calcio, tutte le grandi squadre che hanno lasciato un segno sono sempre state a trazione anteriore.


💬 Commenti