header logo

Vigilia di Lecce - Frosinone che si giocherà allo stadio Via del Mare e sarà valevole per il sedicesimo turno di campionato. Entrambe le squadre sono reduci da un pareggio, rispettivamente contro Empoli e Torino, e sono pronte a contendersi il bottino pieno per dare continuità agli ultimi risultati ottenuti e avvicinarsi, ancora, all'obiettivo finale della salvezza. 

I gialloblù sono una piacevola sorpresa di questa prima parte di stagione con diciannove punti in classifica e una media pari a 1.26 a partita. La squadra gioca un buon calcio e nell'ambiente si respira il giusto entusiasmo tra i tifosi che sperano di arrivare alla fine del campionato con il raggiungimento del traguardo prefissato a inizio anno. Chi certamente continua, giorno dopo giorno, a incitare i propri ragazzi a non abbassare minimamente la soglia dell'attenzione, continuando a dare il massimo per regalare soddisfazioni e gioie alla propria gente è l'allenatore: Eusebio Di Francesco. Arrivato in Ciociaria a inizio dell'estate, succedendo a Fabio Grosso autore dell'ultima promozione dei Leoni, sembra aver ritrovato le giuste motivazioni e la giusta grinta di allenare dopo le recenti, deludenti esperienze della sua carriera.

Dalla semifinale di Champions ai recenti esoneri

Dopo l'esperienza di Reggio Emilia, con il Sassuolo, culminata con la qualificazione in Europa League, il momento più alto della carriera di Di Francesco è stato certamente sulla panchina della Roma. Dal 2017 al 2019 nella capitale, il tecnico abruzzese aveva totalizzato 87 presenze, raggiungendo una storica semifinale di Champions al termine di una clamorosa rimonta nei quarti di finale contro il Barcellona di Messi e Samuel Umtiti. In seguito, tre esoneri consecutivi sulle panchine di Verona, Cagliari e Sampdoria (nel 2021) prima di Frosinone dove sembra essere riuscito a trovare, nuovamente, la sua dimensione.

Il ritorno al Via del Mare

Sono andato più volte a Lecce giocandoci mio figlio anche se allo stadio sono andato a vedere una partita sola. Ero un giovanissimo allenatore arrivato con una proprietà che voleva vendere. Città bellissima, ho un bellissimo ricordo.” 

Per Di Francesco si tratta della prima volta, da avversario, contro i giallorossi dopo l'esperienza nella stagione 2011/12. Il passato nel Salento non fu affatto semplice, complice anche il fatto di essere la prima apparizione in assoluto nel massimo campionato, tanto è vero che dopo soli tre mesi fu sollevato dall'incarico. Il “magro” bottino fu di sole due vittorie (in trasferta contro Bologna e Cesena), altrettanti pareggi e ben nove sconfitte, la più clamorosa contro il Milan al Via del Mare della “famosa” rimonta dei rossoneri nel secondo tempo, dopo aver subito tre reti nella prima frazione, con tripletta di Boateng.

Di Francesco assieme a Delvecchio

 

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita