header logo

Il Catania ha deciso di puntare su un direttore sportivo di origine salentina per la prossima stagione. Il ds ha grande esperienza tra Serie A e Serie B e tanta voglia di ritornare a lavorare nel mondo del calcio. 

Il comunicato ufficiale

Ecco, di seguito, il testo con il quale la società rossoazzurra ha reso noto il suo arrivo: 

Catania Football Club rende noto di aver affidato la direzione sportiva al signor Daniele Faggiano, che si lega contrattualmente alla nostra società fino al 30 giugno 2026 con opzione per la stagione successiva. 

Il Catania presenterà ufficialmente il nuovo direttore sportivo nel corso di una conferenza stampa che sarà indetta durante la prossima settimana. 

Progetto vincente

Il Catania in questa stagione ha vissuto momenti esaltanti – tra tutti la vittoria della Coppa Italia di Lega Pro contro il Padova che ha permesso agli etnei di raggiungere direttamente gli ottavi dei play off di Serie C – ed altri molto meno. Basti pensare che ha chiuso a ridosso della zona play out e che la salvezza è stato conquistato proprio agli sgoccioli della fine del campionato. Adesso l’obiettivo è quello di costruire una squadra vincente, all’altezza del Girone C, per provare a vincere il campionato e risalire quanto prima in cadetteria.

Daniele Faggiano

L’esperienza di Daniele Faggiano 

Il direttore sportivo di origine salentina arriva in Serie C dopo una lunga esperienza Siena, Bari, Sampdoria, Genoa, Trapani, Bari, Palermo e Parma. In alcune di queste esperienze ha lasciato il segno, portando a casa risultati sportivi e ottime plusvalenze, mentre da altre parti non è riuscito a lavorare con la serenità che occorre per risultare determinanti in quel ruolo. 

Adesso, ha deciso di ripartire dalla Serie C, un piccolo passo indietro per compierne magari tanti altri in avanti. Catania è una piazza calda, che ha voglia di calcio e, soprattutto, di ritornare presto tra i grandi. 

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Arbitri cattivi con D'Aversa: ecco perché