header logo

Lecce in campo al comunale di Galatina per il ventunesimo turno di campionato Primavera 1 contro il Cesena. Spalti stracolmi: presente anche il presidente Saverio Sticchi Damiani.

La capolista del campionato ha ospitato l’ultima in classifica. Il Cesena ha collezionato solo 5 punti in stagione, tuttavia 3 di questi sono arrivati all’andata proprio contro i giallorossi.

Il trend del match è subito chiaro: il Lecce gioca solo nella metà campo avversaria e gli ospiti provano a contenere le offensive salentini. La formazione di Chevanton (oggi in panchina causa squalifica di Coppitelli) ha sbloccato il punteggio alla mezz’ora; sugli sviluppi di calcio d’angolo, il cross di Berisha è finito sui piedi di Dorgu, che in due tempi ha insaccato la sfera.

A pochi minuti dalla fine del parziale, è arrivato il raddoppio dei padroni di casa ed è un gol spettacolare. Dorgu si è messo in proprio e ha iniziato a dribblare tutti, battendo successivamente l’estremo difensore una volta arrivato da solo davanti alla porta. Ovazione dei numerosi tifosi sugli spalti per il terzino danese.

Nella ripresa il Lecce ha calato subito il tris: a segno ancora Burnete, abile a sfruttare una disattenzione in uscita del portiere avversario su cross dalla destra di Munoz.

Al 60esimo il Cesena ha accorciato le distanze con uno dei più classici gol dell’ex: Stefano Milli con un tiro da fuori area ha trovato l’incrocio. È al Cesena in prestito.

Pochi minuti dopo il Lecce ha ribadito il vantaggio e dopo Dorgu è arrivata la doppietta anche di Burnete, incontenibile nel 2023.
Gli uomini di Chevanton poi entrano in gestione e calano la manita: a segno ancora Burnete, tripletta per lui. Sesto gol finale con gioia per Kljun.

Sono otto vittorie di fila per il Lecce che si conferma in vetta e allunga, raggiungendo i 42 punti. Dietro a -4 Juventus e Fiorentina.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"