header logo

Sabato, allo stadio Barbera, Palermo e Como si sfideranno in quello che sarà a tutti gli effetti uno scontro diretto promozione. Di Mariano e Strefezza si troveranno contro per la prima volta dopo la promozione raggiunta nel Salento. L'ex numero 10 giallorosso, ai microfoni del Corriere dello Sport, ha commentato l'ormai prossima sfida:

Il suo apporto nel Palermo

Il dato mi fa piacere perché io lavoro per aiutare la squadra ad arrivare a risultati importanti. Il posto in squadra? Non mi sono mai fatto un problema di iniziare in panchina. Il “sono tutti titolari” di Corini è una realtà messa in pratica, lui ci alterna, ci coinvolge, chi entra si sente parte del gruppo allo stesso modo di chi inizia. E' un aspetto su cui l'allenatore spinge tantissimo, per stare al vertice devi avere 23 giocatori più o meno di pari valore.

Sarà Di Mariano contro Strefezza

Strefezza è fortissimo, è arrivato e ha fatto 2 gol. Lo stimo, siamo molto amici ma stavolta dovrò batterlo…

Di Mariano

L'obiettivo promozione

La pressione in una città importante ce l'hanno tutti, parliamo invece della bellezza di giocare a Palermo: sono venuto qui a 28 anni dopo due campionati vinti per rappresentare la mia gente, vorrei far capire a tutti l'orgoglio che provo se qualcuno si raffigura in me. Quindi no, non è un peso. 20 anni fa nella squadra che tornò in A c'erano Pietro Accardi e Vasari, mi piacerebbe essere un altro palermitano che vince il campionato.

Il Barbera sarà sold-out

Una gara che parla da sola, ma non sarà decisiva, dopo ci sono altre 13 giornate. Noi arriviamo bene, vincere a Piacenza sulla Feralpi che aveva battuto la Cremonese non era scontato. Sarà fantastico giocare qui, i tifosi ci stanno accompagnando ad ogni gara in modo entusiasmante, il loro supporto è decisivo. E il Barbera dopo 4 vittorie consecutive è tornato ad essere il nostro fortino.

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
7 punti in 3 gare: Lecce, il venerdì porta fortuna