header logo

Le 0 reti in due stagioni e mezzo sono l'unica nota stonata dell'avventura di Morten Hjulmand nel Salento. Il centrocampista danese, a tutti gli effetti un mediano, non possiede la dote del tiro e spesso ha sprecato delle opportunità per siglare la prima rete a tinte giallorosse.

Alle volte ci ha messo lo zampino persino la sfortuna, dato che in Lecce-Juventus 0-1 il classe 1999 meritava di segnare con una conclusione da fuori area, ma l'urlo del Via del Mare è stato strozzato dal palo. Così, il danese ha lasciato il Salento per 18 milioni più 3 di bonus senza mai esultare per una propria rete. Dopo appena 3 partite, lo aveva quasi fatto in Portogallo.

Si è giocata all'Estadio Municipal de Braga la quarta partita di campionato portoghese, la terza per Hjulmand. Per la seconda volta consecutiva, l'ex Lecce è sceso in campo da titolare, fornendo un'ottima prestazione in fase offensiva. Al minuto 39, con lo Sporting già avanti di un gol, il danese ha messo in mostra una giocata quasi inedita, ovvero un grande tiro da fuori area.

Il destro dal limite ha battuto l'estremo difensore Matheus, portando gli ospiti momentaneamente sullo 0-2. Hjulmand, però, non ha potuto esultare. La sua realizzazione è stata annullata dal VAR per fuorigioco di un compagno di squadra, che sul tiro del classe 1999 non ha toccato la palla, però ha limitato la visuale dell'estremo difensore avversario, il quale si è subito lamentato col direttore di gara.

On field review e rete annullata. Il Braga, nella ripresa, ha pareggiato il match, terminato poi 1-1. Un vero peccato per Hjulmand, che alla terza apparizione in Portogallo aveva messo a segno un gol che mancava da oltre due anni e mezzo. Sarà per un'altra volta!

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"