header logo

Dopo il trionfo in Champions League, il Real Madrid si prepara a dare il benvenuto a una nuova stella: Kylian Mbappé. Il club ha confermato che lunedì 3 giugno sarà ufficializzato l’ingaggio dell’attaccante francese, che si trasferirà a Madrid a parametro zero al termine del suo contratto con il PSG.

Mbappé, che ha già salutato i tifosi parigini con un video sui social media, ha firmato un contratto molto vantaggioso con i Blancos, arricchendo così una squadra già colma di talento. Con l’addio di alcuni giocatori chiave, come Toni Kroos, e l’arrivo di Mbappé, il Real Madrid si appresta a iniziare una nuova era, puntando a continuare la serie di successi sotto la guida di Carlo Ancelotti.

La storia di Kylian Mbappé al PSG

Kylian Mbappé si è trasferito in prestito con diritto di riscatto dal Monaco al Paris Saint-Germain il 31 agosto 2017, con un accordo che prevedeva un riscatto obbligatorio di 145 milioni di euro più 35 milioni di bonus, rendendolo il secondo trasferimento più costoso dopo Neymar. 

Ha debuttato con il PSG segnando un gol e fornendo un assist contro il Metz e ha continuato a impressionare con prestazioni in Champions League. Nonostante l’eliminazione agli ottavi di finale contro il Real Madrid, Mbappé ha contribuito alla vittoria del PSG in Ligue 1, Coppa di Francia e Coppa di Lega nella sua prima stagione.

Nella stagione successiva, ha aggiunto al suo palmarès la Supercoppa di Francia e ha terminato la stagione come capocannoniere della Ligue 1 con 33 gol. Nel 2019-2020, ha vinto un’altra Supercoppa di Francia e ha stabilito un record in Champions League diventando il più giovane giocatore a segnare 15 gol nella competizione. 

Nonostante un infortunio nella finale di Coppa di Francia, Mbappé ha vinto la Ligue 1 e la classifica marcatori per la seconda volta consecutiva. È tornato in tempo per la Champions League, giocando nella semifinale e nella finale, che il PSG ha perso contro il Bayern Monaco.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Elisabetta Cocciaretto illumina il Roland Garros raggiungendo Coco Gauff gli ottavi di finale