header logo

Roberto D’Aversa non è più l’allenatore del Lecce da marzo, ma presto potrebbe tornare in pista. Come rivelato dal Corriere Romagna, sarebbe il candidato numero uno per la panchina del Cesena, rimasta vacante in seguito alla promozione in Serie B.

D’Aversa-Cesena: le ultime 

Il quotidiano romagnolo, nella sua edizione odierna, scrive:

Fabio Artico ha rotto gli indugi e ha fissato per la prossima settimana un incontro con Roberto D’Aversa. Sarà il primo faccia a faccia tra il DS del Cesena e il tecnico nato a Stoccarda.

D’Aversa

 Ancora da trovare l’accordo sia dal punto di vista tecnico che economico (D’Aversa a Lecce viaggiava sui 500mila euro netti a stagione, più del triplo dei 150mila che Toscano avrebbe guadagnato a Cesena). Va però registrato il sorpasso su Sottil e Semplici.

Dal premio allenatore del mese all’esonero

Davvero paradossale l’avventura di Roberto D’Aversa nel Lecce. L’allenatore del Parma, aveva avuto un impatto incredibile, collezionando molti punti tra agosto e settembre, tanto da meritarsi il premio Coach of the Month.

Qualcosa si è inceppato in corso d’opera, tant’è che i successi contro Frosinone e Fiorentina sono stati gli unici sprazzi di gioia dei tifosi giallorossi nei mesi successivi. Fino ad arrivare al KO casalingo con l’Hellas Verona, la capocciata a Henry e l’esonero.

Il contratto di D’Aversa col Lecce

C’è chi si pone un interrogativo: in seguito alla salvezza dei salentini con Gotti, è scattato il rinnovo automatico anche per D’Aversa

La risposta è negativa: mentre nel comunicato di annuncio dell’ex Udinese si parla esplicitamente di prolungamento in caso di permanenza in massima categoria, nella nota risalente allo scorso giugno viene comunicata una opzione a favore del Lecce, che chiaramente non verrà esercitata:

L'U.S. Lecce comunica che la conduzione tecnica della prima squadra è stata affidata a mister Roberto D'Aversa. Il tecnico ha sottoscritto un accordo della durata di un anno, con opzione in caso di raggiungimento della salvezza.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Lascia il calcio dopo 290 gare in Serie A: aveva già dato l'addio in Champions