header logo

“Penso che ci sia molta differenza tra il campionato Primavera e la prima squadra per poter dire non faccio fare quel passo, è un passo talmente importante che è giusto che chi merita debba farlo".  Federico Coppitelli, allenatore del Lecce Primavera, che nella scorsa stagione ha vinto lo scudetto di categoria, laureandosi campione d’Italia, ha raccontato a Piazza Giallorossa l’inizio difficile di questa nuova stagione, perché ha una squadra tutta nuova dopo aver dato alla prima squadra ben sette elementi: Borbei, Samoja, Dorgu, Berisha, Samek, Corfitzen e Burnete, tutti ragazzi che avrebbero ancora potuto giocare con la Primavera ma che con orgoglio di tutti fanno parte della prima squadra.
 

Federico Coppitelli

Il tecnico della Primavera Campione d'Italia ha proseguito: "Credo da sempre che i ragazzi bravi debbano fare questi passaggi, è ovvio che in questo momento, nel breve termine mi può penalizzare ma è giusto che Burnete, che è stato il capocannoniere della Primavera, se gioca in Primavera può fare più gol ma avere una possibilità grande come nella partita con la Lazio, in serie A, dove ha dato il suo contributo, è importantissimo. Anche solo quei pochi minuti sono importanti per il ragazzo e anche per la società, egoisticamente me li terrei tutti. Noi dobbiamo ringraziare di avere una società con una direzione che avalla tutto questo e siamo contenti”.

Federico Coppitelli

La Youth League

In settimana ci sarà la partita di ritorno di Youth League contro l'Olimpiakos. All'andata la partita è finita 3-1 per i greci. Nulla è perso per il Lecce Primavera, che può ancora ribaltare il vantaggio nel Salento. Risultato negativo ma buona prestazione in Grecia per gli uomini di Coppitelli, nonostante una gara messa in salita dopo pochissimi minuti.

Il tecnico dei giallorossi a fine partita dichiarò: "Proveremo a portare al Via del Mare un bel confronto. Oggi lo abbiamo dimostrato: abbiamo le qualità per potercela giocare. Ovviamente siamo fiduciosi perché è stata una partita equilibrata. Affrontiamo squadre con un percorso importante, loro avevano 7-8 nazionali. Sapevamo che l'inizio sarebbe stato in salita ma attraverso queste prestazioni stiamo costruendo la nostra identità".

Federico Coppitelli nel corso di Olimpiakos-Lecce

Coppitelli concluse: "Fare 80 minuti a livello internazionale con l'uomo in meno contro squadre che hanno conoscenze tecniche e tattiche avanzate non è il massimo. Devo fare i complimenti ai ragazzi, hanno tenuta viva la qualificazione con una prestazione maiuscola. Il risultato è ingeneroso per le occasioni create: abbiamo creato forse addirittura più di loro. Ci prendiamo anche questa partita con la fiducia di potere ribaltarla al ritorno. Abbiamo fatto 80 minuti di alto livello. Oggi c'erano ragazzi alla prima presenza in Primavera come Borgo, Perricci e Pacia. Sono ragazzi che hanno risposto presente, è un vanto per la società che ci ha lavorato. Abbiamo un po' di amaro in bocca, in occasione del gol del 2-1 siamo stati sfortunati. In questo momento della stagione stiamo pagando leggerezze".

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"