header logo

È morto a 86 anni Sir Bobby Charlton, uno dei più grandi calciatori della storia. Lo ha annunciato la famiglia del campione, che ha indossato la maglia della nazionale inglese e del Manchester United, vincendo la Coppa del Mondo nel 1966 e la Coppa dei Campioni nel 1968.

Sir Bobby era un idolo per milioni di tifosi, non solo a Manchester o nel Regno Unito, ma in tutto il mondo. Era apprezzato per la sua sportività e integrità, oltre che per le sue straordinarie doti di calciatore. Sir Bobby sarà sempre ricordato come un gigante del calcio. Il club inglese ha espresso il suo cordoglio alla moglie di Sir Bobby, Lady Norma, alle sue figlie e ai suoi nipoti.

Sir Bobby ha iniziato la sua carriera nell’Accademia giovanile del Manchester United, dove è rimasto per 17 anni, giocando 758 partite e segnando 249 gol. Con lo United ha vinto tre campionati inglesi e una FA Cup. Con la nazionale inglese ha disputato 106 partite e realizzato 49 gol, diventando il miglior marcatore di sempre della sua squadra. Ha raggiunto il suo apice nel 1966, quando ha sollevato la Coppa del Mondo dopo aver battuto la Germania Ovest per 4-2.

Dopo il suo ritiro, ha lavorato come dirigente del Manchester per 39 anni, contribuendo alla crescita e al successo del club. Il suo impegno si è esteso anche al sociale, attraverso l’operato della Sir Bobby Charlton Foundation, che si occupa di aiutare le vittime delle mine antiuomo. La sua eredità continuerà a vivere nel cuore di tutti gli amanti del calcio.

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"