SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
I VOTI

Lecce-Como: le pagelle dei giallorossi offerte da Margot

Scritto da Marco Marini  | 
Foto Giulio Paliaga

Gabriel voto 6: poco impegnato, in occasione del gol subito non esce ma il traversone era teso;

Gendrey voto 5,5: timido all'inizio, sia nelle sovrapposizioni che nei ripiegamenti. Cerri lo sovrasta di testa in occasione dell'uno ad uno;

Tuia voto 6,5: si voleva il difensore veloce? Ora c'è. Sempre puntuale;

Lucioni voto 6: sbaglia poco e combatte su tutti i palloni;

Vera voto 4,5: comincia benino, mostra qualità ed intraprendenza ma in uscita perde palloni sanguinosi. Deve crescere molto;

>>>Gallo voto 6: entra bene e ridà vivacità alla fascia sinistra unitamente a Di Mariano;

Majer voto 6: tra i più propositivi, combatte su ambo i fronti;

>>>Bjorkegren s.v.

Hjulmand voto 5: dal danese ci si aspetta quella qualità che manca a centrocampo. Sono due partite che non sembra lui e la squadra ne risente;

Helgason voto 5.5: la qualità si intravede, sbaglia qualche ripartenza di troppo. Può crescere tanto;

>>>Paganini s.v.

Strefezza voto 6: quando si accende si ha sempre la sensazione che debba accadere qualcosa. Suo l'assist per il tiro di Coda da cui nasce il rigore. Viene sostituito, a sorpresa;

>>>Listkowski 5,5 si muove al posto di Strefezza senza incidere;

Coda voto 6: pochi palloni giocabili, ha un'occasione nel primo tempo ma non la sfrutta. Realizza il rigore; 

Olivieri voto 5: si vede poco e riesce ad accendersi in una sola occasione;

>>>Di Mariano voto 6,5: entra e comunica con il suo atteggiamento quello che tutti i suoi compagni dovrebbero fare; propone aggressività mista a qualità;

Baroni voto 5: il Lecce non è bello e non gioca neanche bene. È scolastico nella fase offensiva e instabile in quella difensiva. Tira poco in porta. Alla ripresa avrà la squadra al completo ed i risultati dovranno cambiare.