header logo

Sarà un mini derby a decidere la terza squadra promossa dalla cadetteria alla Serie A.
La finale play-off di Serie B è, infatti, Cagliari-Bari; la squadra di Ranieri è uscita vincitrice dal doppio confronto col Parma di Pecchia, col risultato complessivo di 3-2. Tutti i gol sono arrivati nel match di andata, anche se la gara di ritorno del Tardini non è stata senza emozioni.

Alla formazione di Ranieri è bastata la rimonta avvenuta in terra sarda e passata dai piedi di un super Luvumbo, che si è reso protagonista dei 3 gol siglati in rapida successione.
In casa del Parma, invece, la sfida è terminata 0-0, anche se i crociati hanno sfiorato in un paio di situazioni il vantaggio. Un episodio chiave è avvenuto al 73esimo, quando il gol è arrivato, ma solo per qualche istante.

La palla non aveva del tutto superato la linea di porta e il VAR ha strozzato l'urlo del Tardini, provocando la disperazione di Buffon. Un'altra occasione per l'undici di Pecchia negli ultimi minuti, con Zanimacchia fermato dalla traversa. A casa Sudtirol e Parma, in finale Bari e Cagliari.

Come noto, tra i sardi ci sono tanti ex Lecce. Non tutti sono riusciti ad incidere, come Filippo Falco, ancora a secco di realizzazioni e con ridotto minutaggio. Annata senza infamia e senza lode per Barreca, che ha replicato una stagione simile a quella salentina.

Positiva l'avventura di Mancosu, che al netto di qualche problema fisico ha dato una grossa mano al Cagliari, prima allenato da un altro ex come Fabio Liverani, esonerato in corsa.
Ineccepibile invece il rendimento di Lapadula, capocannoniere del campionato di Serie B e trascinatore anche nei play-off.

La semifinale di andata si giocherà in Sardegna l'8 giugno. Il ritorno in programma al San Nicola l'11.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"