GUARDA LA LIVE TWITCH 💜

Offerta da
PARLA IL CAPITANO

Hjulmand: "Daremo tutto per salvarci. La fascia di capitano? Motivo di grande orgoglio"

Scritto da Pierpaolo Verri  | 

Morten Hjulmand è intervenuto ai microfoni della sala stampa nella settimana che porta alla sfida di campionato fra Lecce e Udinese. Di seguito le dichiarazioni del capitano della squadra giallorossa. 

“Le ultime partite non abbiamo fatto bene come nelle prime ma stiamo lavorando. Stiamo rivedendo i video delle partite per capire cosa dobbiamo migliorare. Stiamo parlando degli aspetti su cui migliorare, sappiamo che dobbiamo fare più tiri e più gol. Non è facile far gol in serie A. Sono molto orgoglioso di essere capitano qui a Lecce, ma io penso ad essere prima calciatore. Qui ci sono calciatori di qualità ed esperienza, essere il capitano è motivo di grande orgoglio". 

"Compagni di reparto? Io penso solo a giocare, a prescindere dai moduli, mi metto a disposizione del mister. Secondo me stiamo lavorando bene nella fase difensiva, ma c’è tanto da migliorare ancora nella fase offensiva. Sul campo stiamo lavorando bene, speriamo che nelle prossime partite si possano portare dei miglioramenti in campo”. 

“Nelle prime partite di campionato la fase offensiva è sicuramente andata meglio, nelle ultime invece non tanto. Non so se è un aspetto mentale, ma noi dobbiamo pensare a praticare il nostro calcio, a mostrare il nostro dna e il nostro atteggiamento sul campo. Se riusciremo in questo saremo in grado di fare bene nelle prossime partite contro Udinese, Atalanta e Sampdoria. Abbiamo la forza e i giocatori per fare i gol, sugli esterni, a centrocampo e in attacco. Abbiamo il potenziale per fare più punti ma ora non guardiamo la classifica, siamo concentrati unicamente sul campo e su quello che c’è da fare”. 

“Il Mondiale? Non lo so, ora non ci penso, lunedì ci saranno le convocazioni ma io penso solo alla partita contro l’Udinese. Ho visto tante partite di questo campionato e l’Udinese è una squadra che sta facendo bene, giocano col 3-5-2, sono cattivi e tosti come noi. Lo scorso anno ho parlato con tanti giocatori che hanno giocato in serie A e mi hanno detto che è un campionato molto difficile. è un campionato in cui gli avversari sono forti in entrambe le fasi, me l’aspettavo così questo torneo”. 

“Un messaggio ai tifosi? Siamo molto contenti del loro supporto, vogliamo dare tutto per il Lecce per fare i punti per salvarci, abbiamo bisogno del sostegno della piazza. Venerdì andremo in campo per ricercare la prestazione, se faremo una buona prestazione sono convinto che riusciremo a portare a casa dei punti. Durante la sosta per i mondiali ci sarà tanto lavoro da fare per preparare la seconda parte del campionato”. 

“Arbitri? Io penso sempre a stare tranquillo nei loro confronti, io sono un giocatore e non un arbitro ma ci sono state delle situazioni difficili per noi. Io penso a giocare, sono situazioni che fanno parte del calcio”.