header logo

Nel corso dell'ultima puntata d'Inconvocabili, in onda su Twitch, è intervenuto ai nostri microfoni Giancarlo Cornacchia, giornalista di TuttoCagliari.net, per rilasciare alcuni commenti in vista della prossima sfida di campionato che vedrà protagoniste Cagliari e Lecce. Queste le sue dichiarazioni:

Sull'ambiente cagliaritano in vista del Lecce

Ci sarà il sold out. Per il Cagliari, però, ci sarà un po' di scoramento perchè dopo tre partite importanti contro Atalanta, Inter e Juventus, con cinque punti conquistati e qualche rammarico di troppo, è arrivata la batosta nell'ultima gara contro il Genoa, dove i rossoblù non sono mai scesi in campo e adesso che il divario dalla terz'ultima si è nuovamente ridimensionato a tre sole lunghezze, bisognerà rimanere concentrati non abbassando minimamente la guardia.

Su mister Ranieri

Claudio Ranieri

Non è mai stato in dubbio e questo perchè a Cagliari è un'istituzione ma c'era anche la consapevolezza che se non ci fosse riuscito lui a risollevare la squadra da queste acque, non ci sarebbe riuscito nessuno. Nei suoi riguardi non c'è mai stata alcuna contestazione e importanti sono state le parole dei giocatori, specie dei senatori, nei suoi confronti mostrando massima fiducia al suo operato e continuando il percorso di crescita assieme.

Sugli infortunati 

Si cercherà, almeno, di recuperare i difensori ovvero Mina e Dossena perchè i centrali che li hanno sostituiti contro il Genoa non hanno fatto benissimo.

Sul modulo

Ranieri ama mettersi a specchio rispetto all'avversario e in tantissime occasioni ha utilizzato la difesa a tre, come contro il Genoa o l'Inter, mentre raramente ha impiegato la difesa a quattro, catechizzando la squadra affinché si adattasse a seconda delle circostanze. Contro il Lecce dunque mi aspetto che scenda in campo con un 4-4-2 ma non sarebbe da escludere nemmeno l'ipotesi del trequartista alle spalle delle due punte. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Si! Pongracic è uno dei migliori centrali della Serie A. Lo dice la scienza.