La fine del girone d’andata è sempre un crocevia importante per i club di Serie A che, con lo sguardo fisso alla classifica, tirano i primi bilanci analizzando gli aspetti positivi ma soprattutto quelli negativi dell’inizio di stagione.

Nonostante l’attenzione dei media sia concentrata sulla sfida scudetto tra Juve e Inter, anche le parti basse della classifica aprono un ampio dibattito sulla lotta per la salvezza, che vede 4 squadre a darsi battaglia di giornata in giornata per ottenere il tanto agognato 17esimo posto.

E’ stato un inizio di stagione complesso per SPAL, Brescia e Genoa che si trovano ad inseguire il Lecce, che con 15 punti ad oggi è fuori dalla zona rossa. Proprio i giallorossi però, hanno subito un chiaro calo delle prestazioni nelle ultime settimane, racimolando un solo punto in 6 partite. Numeri che non sono passati inosservati e hanno fatto nascere i primi malumori tra i tifosi salentini, che sui social non hanno perso l’occasione di criticare vari aspetti delle ultime partite, lasciando in secondo piano il fatto che, come mostra la classifica, c’è chi sta messo peggio del Lecce. Andiamo quindi a dare uno sguardo al clima che si respira a casa dei rivali dei giallorossi partendo dall’ultima classificata, la SPAL.

SPAL

E’ proprio il club di Ferrara che chiude la classifica della Serie A con soli 12 punti. Un avvio certamente turbolento e inaspettato per i tifosi che ha aperto un forte dibattito sulla posizione di mister Semplici. Infatti, nonostante l’allenatore abbia stupito nelle passate stagioni raggiungendo la salvezza con largo anticipo, anch’egli è entrato nel ciclone della critica che vede però, come primo imputato, la dirigenza, che non ha saputo formare una rosa all’altezza della competizione.

Brescia

Al penultimo posto troviamo la società di Cellino, il quale, nonostante i grossi investimenti estivi, è stato varie volte punzecchiato dalla propria tifoseria a causa della folle mossa di cambiare in corsa Corini con Grosso. Una decisione che non ha portato i risultati sperati e che ha provocato il ritorno sulla panchina proprio di Corini che ha l’arduo compito di compattare l’ambiente per raggiungere l’obiettivo sperato.

Genoa

All’uscita dell’inferno della zona rossa troviamo i rossoblu. In questo caso però, i tifosi si sono fatti sentire particolarmente, con forti contestazioni rivolte verso il patron Preziosi. Non scopriamo oggi infatti il suo difficile rapporto con gli allenatori che ha portato la panchina genoana ad essere tra le più discusse in Italia. Durante questa sessione di mercato però Preziosi sta correndo ai ripari con ingenti investimenti economici. Scopriremo solo col tempo se i nuovi acquisti calmeranno l’ondata di proteste dei tifosi del grifone.