Liverani: “Vincere a Perugia per continuare a sognare”

Il tecnico Fabio Liverani ha parlato nella conferenza stampa di presentazione di Perugia-Lecce, prossimo turno di campionato in programma lunedì alle ore 21.

Queste le dichiarazioni del mister giallorosso: “Ho grandi dubbi in difesa, Calderoni è out, Di Matteo è stato fermo fino a ieri, mancano Lucioni e Bovo. Dietro ho fatto delle prove ma nessuna mi ha totalmente convinto, farò delle riflessioni anche con il resto dello staff. L’attacco? Tumminello mi ha dato una grande risposta l’ultima partita, La Mantia e Falco sono molto in forma ma in partita possono cambiare tante cose. Sono contento di averli tutti a disposizione per poterli sfruttare sia dall’inizio che a partita in corso. A Perugia da avversario ci sono stato solo da giocatore una volta con la Lazio abbiamo pareggiato 1-1. Le partite vanno giocate tutte, se Palermo e Brescia dovessero fare solo vittorie da qui alla fine non si può fare nulla. Se due squadre riescono a vincere sette partita nelle ultime sette giornate bisogna togliersi l cappello e fare i complimenti. Se non lo dovessero fare dovremo essere bravi ad intrometterci nel discorso. Allo stesso tempo, dobbiamo blindare il terzo posto. Credo che il Lecce sia artefice del suo destino. A questo punto del campionato tutti giocano per qualcosa, ogni squadra presenta diverse insidie. Il Perugia è una squadra costruita per stare costantemente nei playoff, ha giocatori giovani e di qualità. È una delle squadre che mi piace di più, gli è mancata la continuità nei risultati ma è una squadra forte. Affronteremo una partita dal livello di difficoltà alto, a prescindere dalle nostre assenze. Vogliamo andare lì con la consapevolezza che ci stiamo giocando qualcosa di importante. Saranno importanti i primi venti minuti, loro dovranno fare una partita d’attacco. Anche noi dobbiamo giocare per i tre punti per mantenere in piedi un sogno, ma loro sono costretti a vincere per attaccare i playoff”.

“In difesa credo che sia Riccardi che Majer hanno chance di giocare, ma non ci sono solo loro. Arrigoni e Tachtsidis in difesa sono stati nei miei pensieri. Ma di tutte le soluzioni in allenamento nessuna mi ha dato una sensazioni totalmente positive. Abbiamo lavorato anche sulla difesa a tre”.

“Per come sono abituato io non so come ci si possa preparare ai playoff durante il campionato. I punti non sono così tanti di distacco e nessuno può rilassarsi. Non credo si possano programmare i playoff, credo si debbano giocare le partite. Nel girone di ritorno il Lecce ha dimostrato che al di là delle pressioni gioca con entusiasmo, a prescindere dal risultato. Vedere la squadra che crea, gioca e ha certezze per me è già una vittoria, a prescindere da quello che sarà il risultato finale. Ci vogliamo giocare queste partite con grande serenità, poi vedremo quello che ci dirà il campo. In porta Bleve ci ha dato una grande risposta, ma Vigorito merita di riprendere il suo posto fra i pali”.

Commenta con Facebook