header logo

Wladimiro Falcone è stato ospite di Piazza Giallorossa su Telerama a poche ore da Juventus-Lecce.

Wladimiro Falcone commenta il momento di forma e Juventus-Lecce

“Quest’anno mi sento più leader rispetto all’anno scorso, la squadra tiene conto del mio parere e questo mi dà ancora più personalità. Ho detto a tutti che eravamo lì, sopra la Juventus, che era una cosa rarissima per il Lecce e di non aver rimpianti a fine gara.

In parte ci siamo riusciti, peccato per quell’episodio del gol: arbitro non arbitro, penso che abbiamo tenuto testa ad una grande squadra. Sarebbe stato più giusto un pareggio, davanti abbiamo fatto fatica ma dietro abbiamo retto alla grande, concedendo poco alla Juve”.

Wladimiro Falcone parla del gruppo squadra

“Siamo un gruppo compatto, remiamo tutti per lo stesso obiettivo, non ci sono individualità. Il primo obiettivo della salvezza, se gioco io devo dare il 100% per il Lecce, se non gioco spero che il mio compagno dia il 100% per il Lecce. Questo è un atteggiamento che abbiamo avuto fin dall’inizio anche l’anno scorso e abbiamo continuato su questo focus".

Wladimiro Falcone commenta il ritorno a Lecce

“Mi sentivo col direttore Trinchera tutti i giorni, o gli scrivevo io o lo faceva lui, quindi magari leggevo che accostavano altri portieri e mandavo l’articolo e dicevo – direttore quindi? – e lui: lasciali scrivere, tranquillo. Dunque ero sicurissimo di tornare a Lecce fin dall’inizio del ritiro con la Samp, seppur la Samp sia stata sempre la mia seconda famiglia. Farò sempre il tifo per la Samp e avrò metà cuore doriano, ma il mio posto era in serie A con il Lecce, me lo ero meritato".

Wladimiro Falcone su Lecce-Napoli

“Queste partite si preparano da sole: giochi contro i campioni d’Italia e devi stare più attento; il fattore campo, giochiamo in casa, aiuta. Secondo me sarà una partita combattuta, sperando che gli episodi siano dalla nostra parte come non lo sono stati a Torino”.

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"