header logo

Il Lecce Primavera si toglie un'altra soddisfazione, sebbene il match salino contro il Milan potesse sembrare senza stimoli. La formazione di Coppitelli, lo scorso weekend, ha ottenuto la salvezza con tre giornate d'anticipo ed oggi è scesa sul campo del Deghi Center senza pressioni.

Nella gara andata in scena a partire dalle 15:00, i salentini hanno ospitato il Milan di Abate, in corsa per un posto nelle fasi finali. I rossoneri, inoltre, hanno disputato la finale di UEFA Youth League, perdendo con l'Olympiacos. Ironia della sorte, il Lecce uscì dalla competizione europea proprio per mano dei greci, nel primo turno ad eliminazione diretta.

Coppitelli oggi ha riproposto il 4-2-3-1 dando fiducia al blocco difensivo delle ultime giornate e a Leone in porta. In mediana, al fianco di Yilmaz, Samke. Sulla trequarti Winkelmann ed il giovanissimo Metaj ai lati di McJannet, tre uomini a supporto di Burnete.

La partita è stata sbloccata dagli ospiti che, come anticipato, avevano un obiettivo per cui giocare la terzultima giornata di campionato e hanno trovato la rete al minuto 78. Non si è fatta attendere, però, la risposta dei padroni di casa, a segno con il centravanti classe 2005 Helm

Il Lecce si trova quindi al tredicesimo posto in classifica. Il 12 maggio nel Salento arriverà la Roma seconda in classifica, mentre la competizione si chiuderà in quel di Monza.

Il tabellino

di Milannews24

Marcatori: 78′ Leone aut., 82′ Helm

Lecce (4-2-3-1): Leone; Minerva, Pacia, Esposito, Addo; Samek, Yilmaz; Winklemann (74′ Agrimi), McJannet, Metaj; Burnete. All. Coppitelli.

Milan Primavera (4-2-3-1): Raveyre; Bakoune, Paloschi, Bartesaghi, Magni; Sala (89′ Mancioppi), Malaspina; Scotti, Zeroli, Bonomi (74′ Simmelhack); Camarda (59′ Sia). All. Abate. A disp. Bartoccioni, Torriani; Liberali, Ossola, Parmiggiani, Perera, Skoczylas

Arbitro: Vogliacco di Bari
Ammoniti: 31′ Abate, 52′ Samek, 62′ Malaspina, 90’+1′ Agrimi

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Nardò, il sindaco Mellone a muso duro: "Daspo urbano dopo i fatti gravi di questi giorni"