header logo

Nonostante non fosse arrivato il gol, anche nell’ultimo precedente di campionato Nikola Krstovic ci ha messo del suo per provare a impensierire la difesa avversaria. Probabilmente non la miglior prestazione in maglia giallorossa dal suo arrivo nel Salento, ma lo spirito di sacrificio e di abnegazione verso i suoi compagni non sono mancati, provando a contribuire in tutti i modi per regalare ai suoi tifosi il successo sperato.

Sicuramente nel primo tempo è riuscito a costruire maggiori iniziative per rendersi pericoloso, rispetto al secondo dove, dopo appena cinque minuti dal fischio d’inizio, era riuscito a provocare un’ammonizione ai danni del suo avversario Kabasele che, non riuscendo a trattenerlo in velocità, è stato costretto a commettere il fallo, evitando che s’immolasse verso la propria porta.

Krstovic

Quello dell’attaccante montenegrino è stato un lavoro sporco, fatto di sponde, contrasti, duelli per creare spazio ai propri compagni nella trequarti avversaria. Questo è venuto meno nella ripresa, dove gli stessi giallorossi hanno avuto maggiore difficoltà nel superare il centrocampo friulano e, di conseguenza, diminuendo le possibilità di rendere il loro bomber pericoloso per la difesa avversaria.

Nonostante questo, il numero 9 ha corso tanto nella speranza di creare qualche varco che potesse insidiare i propri opponenti, qualche spazio per tentare la giocata che potesse far male e incidere la partita. In 78 minuti giocati, prima di lasciare spazio a Piccoli (autore del gol del pareggio), Krstovic aveva corso ben 8 chilometri, con una percentuale pari al 44% di camminata, 47% di corsa e 9 % di scatto, con una velocità media pari a 6 km/h e una massima di scatto di ben 31 km/h, per un totale di 31 palloni giocati e 2 soli tiri.

In questo avvio di stagione Nikola è andato a segno in 4 circostanze su 8 partite disputate. Dopo aver conquistato, a suon di gol, svariati record con i suoi nuovi colori, è a caccia di un ennesimo: quello di realizzare 5 reti nelle prime 10 giornate di Serie A come già fatto da Chevanton nella stagione 2001/02. Riuscirà ad agguantarlo nella prossima sfida contro il Torino?

Lecce-Torino, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"