SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
GLI AVVERSARI

Livieri, Masucci e Birindelli in coro: "Abbiamo giocato una grande partita"

Scritto da Andrea Sperti  | 

Livieri, Masucci e Birindelli hanno commentato a Sesta Porta la vittoria del Pisa contro il Lecce.

Ecco di seguito le loro parole: 

Livieri: “Oggi è stato il mio esordio in nerazzurro e sono molto contento. Ero molto tranquillo nonostante l’importanza della gara. Abbiamo giocato contro una squadra importante, dal punto di vista difensivo abbiamo fatto una gara strepitosa e va bene così. Aspettavo da un po’ questa occasione, non avevo particolari ansie e timori, mi sono detto di star calmo e di far quello che sapevo fare ed è andata bene. La parata più difficile è stata quella del primo tempo dopo pochi minuti, è stata anche d’aiuto perché ha rotto il ghiaccio. Abbiamo tutti un bel rapporto, prima di scendere in campo mi ha aiutato Nicolas”.

Masucci: “Cerco di adattarmi a tutte le situazioni, è stata una delle mie caratteristiche da sempre. Cerco di fare un buon lavoro nonostante l’età. Affrontavamo una delle migliori squadre, forse per gioco la migliore, ma abbiamo saputo soffrire quando era il momento, ma colpire quando abbiamo preso campo. Dopo c’è stata la loro reazione, ma dal punto di vista morale è una vittoria sofferta e importante. Siamo una squadra solida con interpreti validi per la categoria, c’è uno spirito giusto e questo da fiducia. Stiamo crescendo dal punto di vista della mentalità e sicuramente non eravamo partiti con questo obiettivo, ci sono squadre anche sulla carta più attrezzate. Noi continuiamo a cercare di migliorare, ma se dovessimo andare avanti così si possono cambiare gli obiettivi iniziali”.

Birindelli: “Abbiamo l’atteggiamento giusto per giocare scontri diretti così pesanti. Sono partite belle da vivere in campo, ma lo step successivo che dobbiamo completare riguarda le sfide contro formazioni sulla carta meno attrezzate. Godiamoci il successo quindi, e poi pensiamo a come battere il Cosenza. Le vittorie per 1-0 sono il sintomo della caratura della squadra. Non sono vittorie casuali.”