header logo

Una notizia che lascia tutti amareggiati. Bryan Bergougnoux, ex centrocampista di quel Lecce che conquistò una promozione in Serie A con la squadra allenata da Gigi De Canio nella stagione 2009/10, ha confessato di avere un tumore. 

L'attuale allenatore del Thonon-Évian Grand Genève (National 2, la quarta serie francese) ha rilasciato una lunga intervista a L'Equipe: "Sono un po' paralizzato in faccia. Ma sono tornato molto velocemente per cercare di dimostrare che nella vita bisogna andare avanti, qualunque siano le difficoltà. Se può aiutare le persone che si trovano in questo tipo di situazione a dire a se stesse che non sono sole, che nulla è inevitabile, che finché siamo vivi, dobbiamo andare avanti... Ho la fortuna di non soffrire fisicamente, mi sento abbastanza bene. Il fatto di non avere dolori fisici mi fa dire che non dovrei lamentarmi. Penso alle persone che soffrono davvero, che hanno molta più difficoltà a convivere con il dolore".

Bergougnoux parla anche dei progetti futuri e del sogno di allenare il Lione: "Credo che, se dicessi di no, vedreste allungare il naso. Per il momento non è affatto questo l’obiettivo a breve termine. Devi metterti alla prova, essere pronto quando arriverà il momento. Ma sì, è uno dei miei obiettivi, è anche per questo che sono diventato un allenatore. A dire il vero è un po' il sogno supremo. C'è chi vorrebbe allenare il Real, il Barça, anche se non direi di no... per me il sogno è allenare l'Olympique Lione".

Bergougnoux ospite a PLRadio

Bergougnoux e la sua esperienza a Lecce ai microfoni di PLRadio

"Sono arrivato molto tardi, la squadra ha vinto tutte le partite, io non ero italiano e per me è stato difficile", Bryan Bergougnoux provó a spiegare la sua breve parentesi giallorossa. Un'esperienza che lo ha aiutato molto a crescere dal punto di vista tattico e come uomo, come spiegò nella sua lunga intervista rilasciata a #PLRadio rilasciata nel 2020.

Lecce-Milan, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"