header logo

Mbala Nzola è stata una delle più grande scoperte di Stefano Trinchera, oggi DS del Lecce.
Da uomo mercato della Virtus Francavilla, puntò sul centravanti nonostante diverse avventure poco positive. Questo è il racconto dell'attaccante ai microfoni di Cronache di Spogliatoio.

"Il momento in cui sono stato più vicino a mollare tutto è stato su un treno diretto a Francavilla, in Puglia. Mamma mia, avevo fatto una marea di provini. Riavvolgo il nastro: sono nato in Angola e cresciuto in Francia. Del mio paese natale, Buco-Zau, non ricordo molto. Sono maturato nelle periferie francesi, dove perdersi è un attimo. Cosa mi è rimasto di quel retaggio? Non lo so. Sono andato al Troyes che ero un ragazzino, ho fatto perfino un provino al Crystal Palace. 

Il primo di una lunga serie. Ovunque andavo, mi dicevano di no. Il mio procuratore, Didier Pingisi, mi fece avere un’occasione con la Cremonese: giocammo il Trofeo Dossena, ma anche lì niente. Ne ho fatti di test, tanti. Alla fine sono andato in Portogallo, all’Académica. Segno all’esordio, in coppa, contro il Porto. Avevo 18 anni, per me non c’era spazio. L’anno successivo scendo in terza serie, sempre in Portogallo. Fermata: Sertanense. Segno, ma la società non è a posto economicamente. Riparte il giro dei provini. Mi rifiuta anche il Perugia. Ero esausto, il posto giusto per Nzola sembrava non esistere. Da nessuna parte. In Italia o altrove. Dissi: «Basta, torno in Francia».

Il mio procuratore mi telefonò: «Mbala, fermo. C’è l’ultima occasione. Si chiama Virtus Francavilla, sono riuscito ad avere un provino». Partimmo in treno: 7 ore di viaggio, infinite. Io ero demotivato, lui mi disse: «Questa è la tua prima finale di Champions League». Ci fermavamo di continuo, in ogni paesino sulla costa. Il tempo non passava mai, le ansie mi salivano a gola. Non per la prestazione che avrei dovuto fare, ma per la sensazione di sconforto che mi tenevo dentro.
Sarei tornato in Francia, a fare chissà cosa.

Quel giorno, la Virtus giocava un’amichevole contro il Monopoli. A un certo punto, la gara venne interrotta. Pioveva, ma niente di che.
Quel giorno, sugli spalti, c’era un uomo: Stefano Trinchera. Era il ds di quella squadra, oggi è al Lecce.

Non ho mai capito cosa sia successo fino a qualche settimana fa, quando proprio su Cronache ho letto la sua intervista. Come vi raccontavo, non pioveva troppo. Lui mi vide, rimase folgorato. Per paura che ci fossero altri scout sugli spalti, con la scusa dell’acquazzone entrò in campo e convinse l’arbitro a interrompere tutto. «Piove troppo», ma non era vero. Chiamò il presidente Magrì, che era in vacanza, pregandolo di tornare e firmare il mio contratto.

Accadde tutto in poche ore. Io ricordo solo che era un sabato ed ero scoraggiato. In confusione, ma era la svolta".

locandina open day
locandina open day
"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"

💬 Commenti