header logo

Lecce-Fiorentina è stata una partita storica. Certo, i giallorossi non hanno conquistato salvezza o promozione nella sfida di venerdì scorso ma vincere una gara con due gol nel recupero non accade tanto spesso, anzi nella storia dei giallorossi in Serie A era accaduto solo un’altra volta, nella stagione 2001-2002 sempre contro la Fiorentina, in un incredibile gioco di coincidenze.

La partita 

Dobbiamo tornare indietro al 14 ottobre del 2001 e ad un Lecce-Fiorentina giocato al Via Del Mare ed arbitrato da un esordiente Morganti della Sezione di Ascoli Piceno, all’epoca giovanissimo direttore di gara. 5 reti alla fine, con un 4 a 1 pesante da parte dei giallorossi sui viola, un gol annullato e ben 3 espulsi. Quella partita di certo non è stata normale, esattamente come quella di venerdì scorso. 

Vugrinec con la maglia del Lecce

Dopo appena 3 minuti il Lecce è passato in vantaggio con un gol di Davor Vugrinec. Nell’occasione chiaro fuorigioco di Chevanton, non segnalato però dalla terna arbitrale. Poi raddoppio di Giacomazzi e gol viola di Mijatovic, in quella partita sostituto di Enrico Chiesa.

La gara è scivolata via veloce, tra un palo di Nuno Gomes, un gol ingiustamente annullato a Chevanton e l’espulsione dell’estremo difensore viola Taglialatela. In pieno recuperò, poi, proprio come accaduto venerdì sera, il Lecce ha chiuso il match con due reti: la doppieta di Vugrinec ed il sigillo di Chevanton.

23 anni dopo la storia si ripete

Insomma, è passato tanto tempo da quel giorno ma al Via Del Mare si sono rivissute all’incirca le stesse emozioni. In realtà, a dir la verità, venerdì è andata anche meglio, dato che i due gol a novantesimo inoltrato hanno permesso alla compagine di D’Aversa di ribaltare il risultato e vincere una gara fondamentale per la salvezza dei giallorossi. Adesso questa vittoria deve rappresentare una grande spinta per le prossime difficile sfide che attendo la compagine salentina. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
L’agente di Vulturar e Burnete: “Vi spiego la strategia del Lecce”