header logo

Nikola Krstovic non è andato in vacanza. Sebbene il Montenegro non abbia alle porte una competizione ufficiale, ha in calendario due impegni nel mese di giugno ed il primo è andato in archivio stasera.

Il centravanti è l'unico calciatore che milita nel campionato italiano ad essere stato schierato dal primo minuto nell'amichevole con il Belgio. 

Sconfitta per il Montenegro contro il Belgio

De Bruyne e compagni hanno battuto 2-0 gli ospiti allo stadio Roi Baudoin di Bruxelles. La partita, arbitrata dallo svedese Karlsson, è andata in scena alle ore 20:30 e ha visto i padroni di casa passare in vantaggio in chiusura di primo tempo, proprio con la rete del campione del Manchester City. 

I conti sono stati chiusi al minuto 93, quando Trossard ha realizzato dal dischetto raddoppiando il vantaggio. 

La partita di Nikola Krstovic contro il Belgio

L'attaccante del Lecce, schierato titolare dal mister Prosinecki, ha giocato 87 minuti. A pochi istanti dalla fine è stato sostituito per far spazio al compagno Mugosa. La piattaforma SofaScore gli attribuisce la sufficienza: 6,4.

I numeri della sua prestazione:

  • 0 tiri in porta
  • 1 tiro fuori dalla porta
  • 2 tiri bloccati
  • 2 dribbling tentati, 0 riusciti 
krstovic
  • 23 tocchi
  • 5 passaggi riusciti su 9
  • 3 duelli aerei vinti su 4
  • 1 contrasto vinto su 5

I prossimi impegni del Montenegro di Nikola Krstovic

Il numero 9 giallorosso non può ancora godersi le meritate vacanze. Come anticipato, il Montenegro (settantesimo nel ranking) ha programmato due amichevoli per il mese di giugno e domenica 9 giugno scenderà in campo contro la Georgia (settantacinquesima nel ranking). 

Alle 20:45, dunque, Krstovic ritroverà Kvara. L'ultimo incrocio ha sorriso al montenegrino, che appena 10 giorni fa ha pareggiato allo stadio Maradona; a causa dello 0-0 maturato tra Lecce e Napoli, i partenopei non disputeranno la Conference League la prossima stagione.

Senza vincitori l’andata della finale playoff di Serie C
Tunisia in campo per le qualificazioni ai Mondiali: la partita di Rafia