header logo

Il Venezia è uscito vincitore dalla doppia finale play off contro la Cremonese ed adesso può festeggiare il ritorno in Serie A dopo tre anni dall’ultima volta.

Un traguardo impronosticabile 

I lagunari hanno pareggiato allo Zini giovedì scorso ed ottenuto 3 punti ieri, dimostrandosi più cinici rispetto ai grigiorossi dopo aver raggiunto il terzo posto durante la stagione regolare. Il tecnico Vanoli è subentrato lo scorso anno quando la formazione arancioneroverde si trovava impantanata all’ultimo posto in classifica e piano piano l’ha risollevata, permettendole di risalire la classifica ed ora di ritornare nella massima serie. 

Esultanza Venezia

Ennesima squadra del nord con proprietà straniera

Il Venezia non rappresenta nulla di nuovo in Serie A: squadra del nord con al seguito una proprietà straniera. Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce, attraverso i suoi profili social, ha commentato la promozione dei lagunari, con una riflessione riguardante proprio la particolarità del modello che sta portando avanti il club salentino:

Salgono in serie A Parma, Como e Venezia (complimenti!), tre città del nord, tre proprietà straniere. La serie A ormai è in maggioranza espressione di "società straniere" e con il Lecce unica squadra sotto Napoli. Stiamo facendo, insieme alla nostra gente, qualcosa che è in totale controtendenza rispetto al calcio moderno e sentirsi quasi degli "intrusi" è lo stimolo più grande per giustificare qualsiasi sforzo per esserci comunque, a modo nostro... 💛❤

Curva Nord Lecce

Intrusi sì, padroni del meridione anche 

In effetti, la Serie A sembra davvero diventato un campionato quasi irraggiungibile per le formazioni del Sud Italia. Solo Napoli e Lecce rappresenteranno il meridione. 

Gli azzurri con una proprietà che da ormai 20 anni investe nella squadra e può permettersi anche di sostenere il Bari in Serie B, mentre i giallorossi attraverso il lavoro ed i sacrifici di un gruppo di soci, quasi tutti salentini doc e tifosi appassionati di questa squadra e dei suoi colori. 

Non è facile portare avanti questo progetto ma i risultati che arrivano e la differenza con le altre società rappresentano un grande orgoglio che, come detto dal presidente giallorosso, regala uno stimolo ulteriore per continuare a fare al massimo il proprio lavoro.

Il Lecce sta facendo qualcosa di unico ma la sensazione è che quanto visto fino ad ora sia davvero soltanto l'inizio di un progetto che renderà orgoglioso e fiero tutto il popolo salentino. 

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Carrarese, che orgoglio! Due salentini in finale play off