È scattata esattamente da due giorni la sessione di mercato invernale, ma sono bastati per accostare al Lecce una moltitudine di nomi, la quasi totalità inventati, come ha più volte ribadito il presidente Saverio Sticchi Damiani.

Il fatto che il Lecce abbia annunciato che interverrà su centrocampo e difesa ha scatenato la fantasia di molti, ragion per cui “buttare lì” qualche nome fa scrivere tantissimo. Noi, come sempre, ci andiamo con i piedi di piombo, scriviamo dopo esserci consultati con gli addetti ai lavori e quindi vediamo ad oggi quali siano i profili cercati dal d.s. Mauro Meluso.

I nomi che leggerete di seguito sono stati tutti riscontrati, questo non vuol dire chiaramente che saranno tesserati a tutti i costi, ma sono calciatori per i quali si nutre un interesse concreto.

Sicuramente un centrale di difesa: la pista che porta a Koffi Djidji del Torino è interessante e potrebbe essere intrapresa, si tratta di un centrale di nazionalità francese, alto 1,84 cm, rapido. L’opportunità di poterlo portare nel salento con una formula conveniente sia per il Lecce che per il Toro, rafforza le possibilità di vederlo presto in giallorosso. Ricordiamo che rappresenterebbe una valida alternativa al pacchetto centrale arretrato, anche titolare. Non è sicuramente l’unica strada che viene seguita.

A centrocampo sarebbero due le mezz’ali cercate dal direttore sportivo. Una potrebbe essere Alessandro Deiola del Cagliari: inizialmente l’interesse per il mediano non era all’apice ma le condizioni fisiche di Majer, ancora molto precarie, hanno suggerito al d.s. di tutelarsi cercando un sostituto.

Antonin Barak, in forza all’Udinese, potrebbe essere il nome giusto per ricoprire il ruolo di mezz’ala sinistra, libero con la presunta partenza di Giannelli Imbula. Il calciatore ha compiuto appena ieri 26 anni, alto 1,90 cm, di piede mancino, forte tecnicamente è una specie di jolly, abile sia come mezz’ala ma anche come trequartista, all’occorrenza.

Non è questa l’unica strada che il Lecce percorre per assicurare un altro centrocampista al tecnico, nonostante il probabile arretramento di Marco Mancosu sulla linea mediana se il Lecce dovesse ingaggiare un trequartista di ruolo.
Veniamo adesso alla novità odierna che riguarda proprio il trequartista che fino a pochissimi giorni addietro non era un ruolo da colmare nelle intenzioni dello staff tecnico e dirigenziale; oggi sappiamo che Mauro Meluso è alla ricerca di questo profilo, da alternare sia a Mancosu ma anche a Shakhov e non escludiamo che Riccardo Saponara possa essere l’obbiettivo del Lecce per quel ruolo.

L’ingaggio nella società presieduta da Saverio Sticchi Damiani potrebbe essere propedeutico al rilancio del forte centrocampista, un po’ in crisi nelle ultime stagioni ma dotato di un grande potenziale. Insomma le idee sono chiare da parte dei dirigenti dell’U.S. Lecce ma sappiamo bene che il mercato in entrata prescinde necessariamente da quello in uscita, infatti la lista dei calciatori imposta dalla Lega dev’essere sfoltita per fare posto ai nuovi.

Chiaramente il Lecce non può trattenere in organico atleti “fuori lista” pagandogli anche l’ingaggio, quindi le operazioni per lo sfoltimento hanno la priorità in questo momento.