header logo

Kastriot Dermaku è un difensore del Lecce da ben quattro stagioni ma in giallorosso ha disputato meno di 30 partite. Il nazionale albanese è stato sicuramente sfortunato e, sebbene ci fossero grandi aspettative, il suo percorso nel Salento ha deluso, soprattutto in massima serie.

Tanti infortuni, una sola presenza in Serie A

Mentre in B agli ordini di Corini prima e Baroni poi ha collezionato qualche presenza, in Serie A è sceso in campo solo in occasione della trasferta di Udine, col secondo tecnico in panchina. Subentro sfortunato, dato che diede il cambio a Umtiti ma pochi minuti dopo al pareggio di Beto sventolò bandiera bianca a causa di un problema muscolare. Terminò così la sua stagione 2022-23 e… la Serie A in giallorosso.

Kastriot Dermaku

Difatti, in questo campionato non è mai stato schierato. Quando l’inferno sembrava alle spalle, a causa di un infortunio in allenamento è tornato ai box. Uno stop particolarmente grave, considerando il coinvolgimento del legamento crociato.

L'U.S. Lecce comunica che il calciatore Kastriot Dermaku si è sottoposto a risonanza magnetica, presso lo Studio Radiologico "Quarta Colosso " di Lecce, che ha evidenziato un trauma distorsivo al ginocchio sinistro con lesione del legamento crociato anteriore.

Il contratto di Dermaku è in scadenza

Esclusi i prestiti, è l’unico giocatore del Lecce col contratto in scadenza. Le strade dei giallorossi e del difensore albanese, dopo quattro stagioni tormentate da infortuni, si divideranno il 30 giugno.

Un vero peccato, facendo un passo indietro al 2020 si trattava a tutti gli effetti di un colpaccio. I salentini, con un budget particolarmente ridotto, si garantirono un centrale difensivo reduce da presenze in A col Parma di D’Aversa e da convocazioni in nazionale maggiore.

Corvino e Trinchera, nel mercato estivo, dovranno comprare minimo due difensori, in virtù dell’addio di Dermaku e Touba.

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Di Gennaro: "Nel Salento hanno coraggio. Con Gotti..."