header logo

Napoli e Lecce si affrontano per l'ultimo turno di campionato allo stadio Maradona. I giallorossi di mister Gotti oggi in campo con: Falcone in porta; Gallo, Baschirotto, Pongracic e Gendrey in difesa; Berisha, Ramadani e Blin a centrocampo; Dorgu, Krstovic e Almqvist in attacco.

Cronaca primo tempo

Gallo controlla palla

Al nono minuto prima occasione per il Lecce con Dorgu ma il suo tiro in diagonale da posizione ravvicinata scheggia il palo. Non si fa attendere la risposta del Napoli con Politano ma la sua conclusione termina di poco a lato alla destra di Falcone. 

Ritmi tutto sommato equilibrati con entrambe le squadre che non lasciano spazi per creare occasioni di degna nota. Al 42 esimo, al termine di una bella triangolazione con Gendrey e Almqvist, Berisha prova a capitalizzare nel migliore dei modi l'assist del compagno svedese ma il suo tiro subisce una deviazione, determinante, terminando in calcio d'angolo. 

Cronaca secondo tempo

almqvist

Al 49esimo super intervento di Falcone, su tiro di Ngonge, abile a respingere in calcio d'angolo una conclusione velenosa; al 52esimo il Napoli si rende ancora una volta pericoloso, questa volta con Kvaratskhelia ma il suo tiro, da posizione ravvicinata, viene prontamente respinto dall'estremo difensore giallorosso.

I giallorossi subiscono l'avanzata degli azzurri protagonisti di un'altra insidiosa azione con Cajuste che calcia di collo pieno con la sfera che colpisce il palo alla sinistra di Falcone. Al 55esimo doppio cambio per Gotti: in campo Pierotti e Gonzalez per Krstovic e Almqvist. 

Al 63esimo i padroni di casa sfiorano nuovamente il vantaggio, colpendo una traversa con Ngonge; sessanta secondi dopo, invece, nuova sostituzione per i salentini con Piccoli che rileva Gallo. Al 77esimo ultimi due cambi per Gotti con Rafia e Oudin, rispettivamente per Berisha e Blin.

Il Lecce chiude il campionato con un pareggio, salendo a quota 38 punti in classifica. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Calzona: "Annata negativa per tutti. Da domani penserò alla Slovacchia"