header logo

A Bari il tempo dei festeggiamenti per la salvezza ottenuta all’ultimo respiro è durato il tempo di una notte, in quanto i pensieri preoccupati dei tifosi sono attanagliati su più fronti da diverse questioni scottanti. Non solo una stagione fallimentare sull’orlo del precipizio, ma anche l’annosa questione multiproprietà e la scelta del nuovo DS da cui ricostruire dalle ceneri della stagione appena passata. 

Ma a prendere banco in questo periodo è il caso Bellomo, al centro della bufera in seguito alla sua espulsione avvenuta dalla panchina dopo aver litigato con un raccattapalle e con la terna arbitrale durante la partita contro la Ternana. 

Non si sono fatte attendere speculazioni sull’accaduto e la ricomparsa dell’ombra nefasta del calcioscommesse, rievocando traumi del passato che i tifosi del Bari, di certo, non vorrebbero rivivere. Ad acuire il problema, come riportato da lapresse.it, è anche l’apertura di un fascicolo di indagine da parte della Procura Federale, che ha deciso di far luce su cosa sia veramente accaduto al minuto 78 di quella partita agrodolce per la compagine biancorossa.

Qualcuno, a Bari, già sospettava qualcosa visto il comportamento remissivo della squadra nei primi minuti, ponendo l’accento sull’anomala facilità di prendere gol alla battute iniziali dei match e sulle quote dei bookmakers, come analizzato nel format Passione Bari di Radio Selene. 

“Catanzaro-Bari: 1-0 al 5° minuto, Vandeputte. 

Venezia-Bari, 1-0 al 4° minuto: Gytkjaer. 

Bari-Cremonese: 0-1 al 2° minuto, autorete di Maiello.

Bari-Pisa: 0-1 al 3° minuto, Calabresi.

Cosenza-Bari: 1-0 al 6° minuto, Mazzocchi.

In 5 gare delle ultime 10, il Bari ha sempre preso gol nei primissimi minuti di gioco.

Un dato anomalo, considerando che queste dovrebbero esser partite "della vita".

Invece si assiste ad approcci di gara con una squadra quasi inerme, che prende gol alla prima occasione.

Semplice approccio alle gare sbagliato frutto di una squadra già rassegnata alla retrocessione? Semplice curiosità: per chi conosce l'ambiente delle scommesse, la quota dei bookmakers per "Squadra X in vantaggio nei primi 10 minuti" può arrivare a pagare ben 10 volte la posta. Contro il Parma ad esempio, ospiti in vantaggio nei primi 10 minuti paga ben 7 volte la posta.

Che ne pensate?”

Sulla questione, si è espresso anche il sindaco uscente di Bari Antonio Decaro, che non ha mai nascosto la sua passione per la squadra del capoluogo ed ha commentato così l’accaduto:

Spero non sia vero, abbiamo già vissuto la vergogna del calcio scommesse nella nostra città, con il capitano del Bari che faceva l’autorete in casa sotto la curva nord in una partita che era il derby col Lecce. Una cosa più vergognosa non può esserci. Io spero non sia vero e comunque spero che non abbia a che fare con la classifica della squadra, già ci siamo salvati per miracolo.

Insomma, a Bari il clima non è per niente sereno e le situazioni da tenere d’occhio sono molteplici. Le prossime settimane saranno fondamentali per capire quale sarà il futuro dei biancorossi dentro e fuori dal campo, con la loro speranza che i fantasmi del passato non bussino nuovamente alle porte della città capoluogo. 

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Alessandro Doga, ex centrocampista del Lecce, entra nello staff tecnico del Livorno