SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
CONFLITTO UCRAINO

Il proprietario del Chelsea coinvolto nei negoziati Russia-Ucraina

Scritto da Filippo Verri  | 

Il miliardario Roman Abramovich, su richiesta dell’Ucraina, è in Bielorussia per assistere nei negoziati tra Russia e Ucraina come parte di uno sforzo per porre fine alla guerra in corso. 

Lo afferma The Jerusalem Post e lo riporta Calcio e Finanza, che sottolinea come Abramovich sia stato richiesto dagli ucraini per aiutare nei colloqui.

Delegazioni provenienti da Russia e Ucraina sono arrivate domenica nella città di confine bielorussa di Gomel e hanno avviato colloqui volti a trovare un modo per porre fine ai combattimenti in Ucraina.

Abramovich ha stretti legami con le comunità ebraiche in Ucraina e Russia

L’ambasciatore dell’Ucraina in Israele Yevgen Kornichuk non ha commentato in modo specifico il coinvolgimento di Abramovich nei colloqui, ma ha affermato che «apprezziamo chiunque possa aiutare, se ha abbastanza influenza».

Il proprietario del Chelsea è stato preso di mira a Londra in questi giorni ed ha deciso di affidare la gestione del Chelsea agli amministratori della fondazione benefica del club. 

Alexander Rodnyansky, produttore due volte candidato all’Oscar, ha detto a The Post che funzionari del governo hanno contattato lui e altri membri della comunità ebraica in Russia e hanno chiesto l’intervento come un modo per cercare di risolvere il conflitto.

Rodnyansky ha detto di aver parlato con Abramovich che ha deciso di essere coinvolto negli sforzi per cercare di porre fine alla guerra. 

«Gli ucraini stavano cercando di trovare qualcuno in Russia che potesse aiutare a trovare una soluzione pacifica. Hanno chiesto aiuto e Roman è la persona che ha deciso di aiutare e mobilitare il sostegno per una soluzione pacifica», ha spiegato.


💬 Commenti