header logo

Non è andata benissimo la prima esperienza del Lecce in una competizione UEFA ma, col senno di poi, il risultato finale è stato quasi inevitabile. I giallorossi, matricola in Youth League, pescarono subito l'Olympiacos. Un doppio incrocio andata-ritorno sulla carta abbordabile, vedendo gli ultimi risultati dei greci nella competizione… si pensava.

3-1 all'andata, 1-3 al ritorno

Le due partite furono persino combattute. All'andata il Lecce perse in Grecia, tuttavia siglò un gol con Pascalau e la partita fu notevolmente condizionata dall'espulsione di Zivanovic arrivata nel primo tempo. 1-1 fino al minuto 70, nelle ultime fasi della gara i greci si garantirono un buon vantaggio.

Al ritorno non ci fu molta storia. L'Olympiacos chiuse subito i conti: al ventesimo i salentini erano già sotto di due gol. Nella ripresa la rete della bandiera di Helm e l'1-3 che chiuse i conti. Finale complessivo: 6-2. Passaggio del turno meritato per gli sfidanti, tante attenuanti per la formazione di Coppitelli, all'anno zero di un nuovo ciclo e sfortunata negli episodi.

Minerva Pascalau

Il cammino trionfale dell'Olympiacos

L'Olympiacos ha poi superato anche il secondo turno preliminare, annichilendo complessivamente con un 7-0 il Qabala. Ha successivamente sbattuto fuori l'Inter ai rigori dopo un combattuto 0-0; poi fuori ai rigori anche il Lens (2-2); niente da fare neppure per Bayern Monaco (1-3).

L'approdo in finale

Venerdì pomeriggio si è svolta la semifinale contro i francesi del Nantes: ulteriore dimostrazione di forza dagli undici metri. La gara secca, infatti, è terminata 0-0, ma ai rigori sono passati i greci.

Il dominio contro il Milan

Oggi è andata in scena la finale contro il Milan di Camarda e compagni; risultato netto e meritato: 3-0 per l’Olympiacos. I greci alzano la coppa, coronando un cammino trionfale partito proprio nel Salento.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
La probabile formazione del Sassuolo contro il Lecce