header logo

Pontus Almqvist è stata ed è una delle più piacevoli sorprese del Lecce targato Roberto D’Aversa. L’esterno svedese, infatti, è stato il primo acquisto della nuova stagione ed è arrivato in Serie A da perfetto sconosciuto, nonostante un curriculum già ricco per la sua età.

Impatto incredibile: 2 gol nelle prime 2 al Via Del Mare 

Pronti via e Pontus ha subito bagnato con un gol il suo esordio assoluto al Via Del Mare nel match di Coppa Italia contro il Como. Palla dentro di Dorgu e conclusione precisa di destro da parte del classe ’99, abile a battere il portiere avversario.

La settimana successiva, nel match contro la Lazio, ha segnato una rete ancora più bella e sicuramente più importante. La sua marcatura ha aperto una rimonta completata poi da Di Francesco e permesso al Lecce di conquistare i primi tre punti della stagione.

Nelle prime giornate Almqvist è stato imprendibile. Le difese avversarie non sapevano come contenerlo ed il biondo attaccante ha sfruttato la sua velocità per rappresentare un’autentica spina nel fianco per ogni allenatore.

Pian piano il suo rendimento è fisiologicamente calato ma per D’Aversa è sempre stato un elemento imprescindibile, da utilizzare per le ripartenze veloci e per allargare le maglie dei difensori avversari.

L'esultanza di Almqvist dopo il gol alla Roma

L’infortunio ed il calo del Lecce

All’Olimpico, contro la Roma, Almqvist ha segnato la seconda rete del suo campionato. Qualche giorno dopo, però, in allenamento ha subito un infortunio alla coscia destra e, da quel momento, è sceso in campo solo per pochi minuti contro il Bologna.  

Il Lecce ha perso la sua freccia e tanta imprevedibilità davanti, con Sansone, Banda e Strefezza che si sono alternati provando a far dimenticare l’assenza dello svedese. Senza di lui in campo, i giallorossi hanno conquistato 4 pareggi, lasciando l’impressione di poter fare sempre qualcosa in più, come se lì davanti mancasse il piglio giusto per vincere la partita. 

Con lui in campo la squadra di D'Aversa ha ottenuto 13 punti, in 11 gare, frutto di 3 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte, ultima quella di Roma nella quale Pontus aveva anche trovato la via del gol. 

Oggi Almqvist è stato a riposo anche per un leggero stato influenzale ma la speranza è quella di vederlo presto in campo, magari già contro il Frosinone per uno spezzone di gara. Il Lecce non può affidarsi solo alle folate di Banda ed alla classe di Strefezza e Sansone. La squadra di D’Aversa ha bisogno della velocità del suo talento svedese. 

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita