SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
OFFERTE DA MARGOT

Lecce-Perugia, le pagelle dei giallorossi

Scritto da Pierpaolo Verri  | 
foto di Giulio Paliaga

GABRIEL 6: sostanzialmente inoperoso.

GENDREY 6,5: un martello sulla fascia, abile anche nella gestione nel pallone.

LUCIONI 6,5: dalle sue parti non si passa, alza il muro sugli avversari.

TUIA 6: un paio di rischi ma prestazione nel complesso attenta.

>>> MECCARIELLO 6,5: suona la carica sul finale di gara e compie una chiusura che vale come un gol.

BARRECA 6: trova il fondo con grande facilità e mette in mezzo alcuni cross interessanti. Agisce più da ala che da terzino.

>>> PAGANINI s.v.

MAJER 6: prova convincente in mezzo al campo, dove recupera diversi palloni e si fa trovare dai compagni con i movimenti negli spazi. Nei minuti finali però regala un'occasione d'oro al Perugia. 

HJULMAND 6: attentissimo in interdizione, non trova grandi spunti in fase di impostazione.

GARGIULO 6: un buon primo tempo, cala un po' nella ripresa, ma la prestazione è complessivamente sufficiente.

STREFEZZA 6: molto propositivo sul fronte d’attacco, soprattutto nel primo tempo dove trova un paio di conclusioni interessanti.

>>> LISTKOWSKI 5,5: palla persa e cartellino giallo pochi secondi dopo il suo ingresso in campo. Da lì in poi non riesce ad accendersi.

CODA 5,5: fa fatica ad entrare in partita e sbaglia troppi palloni. Nel secondo tempo è sfortunato quando colpisce la traversa con un bel colpo di testa.

>>> RODRIGUEZ 6: una fiammata e nulla più.

DI MARIANO 5,5: non fa mai mancare il contributo in fase di non possesso, ripiegando spesso per coprire la zona lasciata scoperta da Barreca. Forse anche per questo è meno brillante in proiezione offensiva.

>>> OLIVIERI 5,5: gioca pochi palloni, tutti alle spalle e lontano dalla porta. Troppo ingenuo nella gestione di alcune situazioni nei minuti di recupero.

BARONI 6: un discreto primo tempo, nel quale è mancata probabilmente un pizzico di convinzione in più negli ultimi metri. Il secondo tempo, invece, è decisamente anonimo e privo di sussulti. Prova a cambiare la partita pescando dalla panchina ma il cambio del tridente d'attacco non paga.